By continuing you accept Avaaz's Privacy Policy which explains how your data can be used and how it is secured.
Got it
We use cookies to analyse how visitors use this website and to help us provide you the best possible experience. View our Cookie Policy.
OK

Lunedì 1 Febbraio 2016

Desmond Tutu e 230 accademici nominano gli abitanti delle isole greche al premio Nobel per la Pace

Oggi scade il termine per le candidature al Premio Nobel per la Pace, e l’Arcivescovo Desmond Tutu si è unito a 628mila cittadini e oltre 230 accademici di 111 università da tutto il mondo per nominare gli abitanti delle isole greche a questo prestigioso premio.

Tra i firmatari della nomina, coordinata dal movimento civico Avaaz, ci sono anche il premio Nobel per l’economia Sir Christopher Pisaridis, la professoressa Margaret MacMillan dell’Università di Oxford, e il professore Anthony Giddens della London School of Economics.

La nomina per il  “Movimento Solidale dell’Egeo” di cui fanno parte oltre 16 gruppi e cittadini di 9 isole, è stata consegnata alla commissione del Nobel questa domenica. “La peggior crisi umanitaria dai tempi della seconda guerra mondiale è stata gestita fino ad oggi da una mobilitazione spontanea e senza precedenti di persone comuni” ha dichiarato il movimento. Il governo greco ha annunciato oggi una seconda nomina per il Nobel, che include tra i sostenitori anche Susan Sarandon.

A sostegno della campagna, l’Arcivescovo Emerito Desmond Tutu ha dichiarato:

Il modo in cui normali residenti delle isole greche si sono mobilitati per aiutare oltre 900mila rifugiati l’anno scorso è stato straordinario. Immaginate 900mila ospiti disperati che arrivano alla porta della vostra modesta casa. Affamati, stanchi e sconvolti… non parlano la vostra stessa lingua, non avete lo stesso credo religioso o culturale. Cosa fate? Gli aprite la porta. Incredibile!

La campagna (che potete vedere qui) nata da Alkmini MInadaki, un architetto di Creta e membro di Avaaz, da subito è diventata virale in Grecia, arrivando ad essere la petizione online più grande nella storia del Paese. “In tutte le isole pescatori, casalinghe, pensionati ed insegnanti hanno aperto le braccia e le loro case per i rifugiati. Le loro azioni hanno affondato la paura ed il razzismo, ricordando a tutti noi di essere uniti nella nostra umanità” ha affermato l’autrice della petizione.

Dei 900mila rifugiati che sono arrivati in Europa lo scorso anno, oltre l’80% è passato per le isole greche, e i membri di Avaaz in Grecia hanno consegnato aiuti e sostenuto numerose campagne perchè l’Europa aprisse le sue frontiere.

Matina Katsiveli, volontaria presso Leros Solidarity Network ha dichiarato: “Le azioni degli abitanti di queste isole sono una prova della nostra umanità e dell’esistenza di valori sani nelle nostre società. Per noi, il premio più ambito rimane il sorriso delle persone che aiutiamo tutti i giorni.

La reazione umana degli abitanti delle isole greche entra in pieno contrasto con il fallimento di vari paesi dell’Unione Europea  di rispondere in modo adeguato alla crisi, e con iniziative come quella danese di sequestrare beni personali ai rifugiati.

Durante l’ultimo anno e mezzo, i membri di Avaaz hanno giocato un ruolo significativo nel sostegno ai rifugiati nelle isole greche. Una missione di volontari greci ha consegnato migliaia di sacchi a pelo e kit per l’igiene personale ai rifugiati e aiutato a salvare 200 minori non accompagnati. Questo inverno, centinaia di membri di Avaaz hanno donato per garantire il completamento delle strutture di accoglienza per i rifugiati a Leros, che hanno dato rifugio a centinaia di persone ogni giorno.

Il premio Nobel per l’economia Sir Christopher Pissarides ha commentato così il suo sostegno alla candidatura:  “Persone innocenti stanno cercando disperatamente un luogo sicuro lontano dall’inferno che si lasciano alle spalle in Siria, per ricominciare le loro vite. Mentre questi bambini annegano nei nostri mari i nostri politici stanno a guardare e continuano a discutere di numeri, muri, documenti, passaporti, Dublino e Schengen.”

FINE

Per maggiori informazioni su questa storia, contattare Sam Barrat al +447909836139 o via mail a [email protected] oppure Julie Deruy al +33676477259 o via mail a [email protected]

I gruppi che sono stati nominati includono:

Agia Ermioni Solidarity Network - Chios

Agkalia - Lesvos

Chorio Oloi Mazi - Lesvos

Community Kitchen “O Allos Anthropos” - Lesvos

Eidomeni Solidarity Group - Eidomeni

Kos Solidarity Network - Kos

Lathra - Chios

Leros Solidarity Network - Leros

Platanos Refugee Solidarity - Lesvos

Proodos Refugee Support Group - Kalymnos

Rhodes Solidarity Network - Rhodes

Solidarity Symi

Solidarity Network of Crete - Crete

Samos Solidarity Network

Tilos Solidarity

Oasis-Rhodes