Europa: Fermate il massacro degli elefanti!

Al Commissario Europeo per l'Ambiente Karmenu Vella, ai Ministri per l'Ambiente europei e ai membri del CITES:

Gli elefanti sono in pericolo e potrebbero sparire dalla faccia della Terra nella prossima generazione. Noi cittadini da tutto il mondo vi chiediamo di fermare il commercio interno di avorio, di emanare un divieto completo al commercio d'avorio, che sta favorendo il bracconaggio, e di aggiungere tutti gli elefanti africani all'Appendice 1 della classificazione CITES, per garantire loro la massima protezione legale, senza riserve né eccezioni. Inoltre, vi chiediamo di profondere il massimo impegno per mettere fine al commercio illegale di avorio.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:
Per favore, abilita i comandi Javascript per visualizzare questa pagina web nel migliore dei modi
Avaaz.org protegge la tua privacy e ti tiene informato su questa e altre campagne simili.
Blurb_campaign20228 PostActionContent

Ogni 15 minuti, un elefante viene massacrato brutalmente per le sue zanne. Di questo passo, tra pochi anni questi animali saranno spariti dalla faccia della Terra. Tutto il mondo sta andando verso uno storico divieto globale e permanente sul commercio d’avorio, ma la Commissione Europea si è appena dichiarata contraria.

Quella degli elefanti è una crisi terribile: in alcune zone, queste creature magnifiche e intelligenti escono solo di notte perché sono terrorizzate dall’uomo, e i cuccioli di elefanti non vogliono abbandonare i cadaveri massacrati delle loro madri. Ora sono addirittura 29 i paesi africani che hanno dichiarato che se l’Europa manterrà questa posizione, firmerà la condanna a morte per gli elefanti. E hanno bisogno del nostro aiuto.

Tra pochi giorni ci sarà un vertice globale che potrebbe essere quello in cui finalmente si approva il divieto definitivo al commercio d’avorio per cui lottiamo da anni! E sembra che paesi influenti come Francia e Germania si potrebbero ribellare alla posizione della Commissione Europea. I governi africani consegneranno il nostro appello a riunioni fondamentali con i maggiori paesi europei, inclusa l'Italia, per il divieto. Firma ora per salvare i nostri elefanti e condividi con tutti.

Spargi la voce

Clicca per copiare: