Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

Hong Kong: la fine dell'avorio, non degli elefanti!

Al Consiglio Legislativo di Hong Kong:

Vi chiediamo di vietare con urgenza la vendita, l’importazione e l’esportazione di avorio lavorato e grezzo. La sopravvivenza degli ultimi elefanti del mondo dipende dalla chiusura immediata dell’enorme mercato di avorio di Hong Kong.

Sei già membro di Avaaz? Inserisci la tua e-mail e premi "Invia".
Prima volta su Avaaz? Per favore compila i campi qui sotto.
Aderendo a questa campagna acconsenti a ricevere le email di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti illustra come possono essere usati. Puoi disiscriverti in ogni momento.

A Hong Kong c’è stato da poco il più grande sequestro di avorio degli ultimi 30 anni: 1000 elefanti sono stati uccisi per quel carico di zanne, solo per farne soprammobili e collanine.

Hong Kong oggi è l'"Isola dell'Avorio" -- un mercato in continua crescita dei corpi degli elefanti fatti a pezzi. E finché sarà legale, sarà impossibile fermare il massacro degli elefanti in tutto il mondo. A questo ritmo verranno letteralmente spazzati via dalla faccia della Terra.

Il governo locale ha finalmente annunciato di volerlo vietare, ma la potente lobby dell’avorio sta scatenando l’inferno. La nostra comunità ha la forza per rispondere alle loro assurde argomentazioni e dare al governo l’appoggio di cui ha bisogno, ma serve la partecipazione di tutti noi.

Il voto è tra pochi giorni! Lanciamo ora un’enorme campagna mondiale per salvare gli elefanti, poi inonderemo Hong Kong, i suoi media e i suoi politici con il nostro appello. Aggiungi il tuo nome e condividi ovunque -- facciamo chiudere l'"Isola dell'Avorio"!

Spargi la voce

Clicca per copiare: