Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

Una banca può distruggere questa meraviglia?!

Alla Presidente della State Bank of India, Arundhati Bhattacharya, e al Consiglio della SBI:

In quanto cittadini di questo mondo siamo preoccupati per il cambiamento climatico e per la Grande Barriera Corallina, e vi chiediamo di rifiutare la richiesta di Adani di un prestito per finanziare la sua controversa miniera di Carmichael e le relative infrastrutture. Numerose banche private hanno già abbandonato questo progetto costoso e distruttivo. In linea con il vostro impegno a inasprire i controlli sui cattivi prestiti, ci appelliamo a voi affinché rigettiate questa proposta e investiate invece nelle energie pulite.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:
Per favore, abilita i comandi Javascript per visualizzare questa pagina web nel migliore dei modi
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.

Recenti firmatari

Il “re del carbone” indiano ha chiesto un prestito da 1 miliardo di dollari per trasformare una meraviglia ecologica in una rotta per navi da trasporto. Ma se agiamo subito possiamo fermare questi soldi e lasciare la Grande Barriera Corallina popolata da balene e delfini, non da enormi navi da carbone.

È stata la stessa UNESCO a dichiarare che il progetto mette la Barriera a rischio, e addirittura 8 importanti banche internazionali si sono già tirate indietro. Adesso la State Bank of India deve decidere se firmare o affossare l’accordo. La sua Presidente ha legato la sua reputazione all’impegno contro i “prestiti sbagliati”: un appello globale e di massa può convincerla a riconsiderare l’investimento per questo assurdo progetto.

La pressione internazionale ha già fatto cambiare idea ad altre banche, ora è il momento di farci sentire e impedire il prestito più dannoso del mondo. Raggiunto il milione di firme dimostreremo in un dossier i problemi finanziari e ambientali del progetto e lo consegneremo alla Presidente Bhattacharya con tanto di notifiche legali, accompagnando il tutto con una campagna mediatica.

Spargi la voce

Clicca per copiare: