Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

Questa è un'emergenza:
Partecipa allo sciopero globale per il clima Venerdì 20 settembre

Salvate il re leone e il cerchio della vita!

Al Direttore Esecutivo di Disney Robert Iger, e ai direttori di tutte le compagne che usano animali nelle loro pubblicità:

Da tutto il mondo vi chiediamo di incrementare il vostro sostegno per contribuire a salvare i leoni, gli elefanti, e il milione di altre specie in pericolo di estinzione. Partecipate al Fondo "Lion's Share" dell'ONU, impegnandovi a donare per progetti di conservazione lo 0,5% di quanto spendete in marketing relativo agli animali -- e affrontiamo la crisi della biodiversità insieme!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:
Per favore, abilita i comandi Javascript per visualizzare questa pagina web nel migliore dei modi
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.

Recenti firmatari

È orribile: i contrabbandieri ora strappano zanne e artigli ai leoni per poi rivenderli come gioielli. Questi maestosi animali rischiano di estinguersi in meno di due generazioni -- assieme ad elefanti, rinoceronti e giraffe.

Ma grazie a una nuova geniale proposta sostenuta anche dall'ONU si potrebbero finalmente sbloccare i soldi per salvarli…

L'idea è questa: Disney e altre enormi aziende spendono moltissimo in pubblicità che hanno per protagonisti degli animali selvatici -- e funziona bene, il nuovo Re leone ha appena superato il miliardo di incassi. Se donassero anche solo una piccola parte di questa spesa a progetti di tutela di quegli stessi animali, potrebbero contribuire a salvarli! E se un colosso come Disney si muovesse, altre grandi aziende come Netflix e Google potrebbero fare lo stesso.

Stanno valutando proprio ora se aderire all’iniziativa: è il momento di far sentire alla direzione di Disney quello che vuole il loro pubblico, giusto prima del lancio ufficiale del fondo "The Lion’s Share" a settembre! Ogni firma può aiutare a sbloccare migliaia di dollari a favore delle specie minacciate.
Pubblicato il: 20 Agosto 2019

Spargi la voce

Clicca per copiare: