Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

Fermate il festival della carne di cane di Yulin!


Fai già parte di Avaaz?
Inserisci la tua email e clicca "Firma ora".
Prima volta su Avaaz? Per favore compila i campi qui sotto.
Aderendo a questa campagna acconsenti a ricevere le email di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti illustra come possono essere usati. Puoi disiscriverti in ogni momento.

Fermate il festival della carne di cane di Yulin!
Al Presidente cinese Xi Jinping, al Governatore della provincia di Guangxi Chen Wu, e ai membri del Governo Centrale cinese:

"Siamo cittadini di tutto il mondo profondamente disturbati dagli abusi e dal consumo di carne di cane al festival di Yulin e vi chiediamo di agire urgentemente per vietarlo. Milioni di cittadini cinesi sostengono la proposta di legge per fermare l’industria della carne di cane e ci uniamo al loro appello per fermare questo mercato crudele."


Maggiori informazioni

Aggiornamento del 29 giugno: Qualcosa si sta muovendo, forza!! Le autorità locali di Yulin si sono impegnate ad attuare un giro di vite sul festival e a "prendere provvedimenti immediati per impedire che venga fatto di nuovo".

Questo potrebbe essere incredibilmente importante per il futuro, anche se purtroppo nel frattempo il festival di quest'anno si è tenuto comunque. Continuiamo a tenere alta la pressione internazionale fino a che metteremo fine una volta per tutte a questo festival della tortura. Unisciti e condividi la campagna!


 
Al festival della carne di cane di Yulin migliaia di animali vengono rapiti e bastonati a morte. E poi appesi a dei ganci al mercato, spellati e venduti per essere mangiati.

Una sofferenza brutale -- nuove ricerche mostrano che in termini di emozioni, il cervello dei cani è molto simile al nostro. E se accettiamo che sono esseri con pensieri ed emozioni, la tortura di questo “festival” è inimmaginabile.

Migliaia di cittadini e attivisti cinesi e milioni di avaaziani si sono fatti sentire contro il festival e le autorità locali di Yulin si sono recentemente impegnate a "prendere provvedimenti immediati per impedire che il festival si ripeta ancora". Questo potrebbe essere incredibilmente importante per il futuro. Continuiamo a tenere alta la pressione internazionale per trasformare quell'impegno in realtà e mettere fine una volta per tutte a questo festival della tortura.

E grazie alla crescita della campagna, Avaaz potrà pubblicare pagine a pagamento sui giornali, lavorare con personaggi famosi e tenere l’argomento sulle prime pagine finché non saranno costretti ad agire. Unisciti alla petizione e condividila con tutti.

Spargi la voce

Clicca per copiare: