Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

Una disperata richiesta d'aiuto dalla Siria

A tutte le parti della conferenza Ginevra 2:

Ci appelliamo a voi affinché utilizziate questo momento unico per ascoltare le voci e i bisogni del popolo Siriano e rendiate effettivi dei "cessate il fuoco" locali e nazionali, per fermare al più presto l'uccisione di innocenti civili siriani.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:
Per favore, abilita i comandi Javascript per visualizzare questa pagina web nel migliore dei modi
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.

Recenti firmatari

Sono originaria di Homs, in Siria: una città sotto assedio, in cui perfino bambini e neonati sono stati torturati e hanno subito bombardamenti. E’ l’inferno sulla terra, ed è quasi impossibile riuscire ad avere una speranza, ma in questo momento c'è un piccolo spiraglio e abbiamo urgentemente bisogno dell'aiuto di tutti.

Tra 24 ore, per la prima volta, le maggiori potenze coinvolte in questa guerra si incontreranno. Dicono di voler ascoltare le richieste del popolo siriano, e dovranno in qualche modo mostrare alle loro opinioni pubbliche che stanno facendo qualcosa. E allora noi ci vogliamo prendere “un posto al tavolo dei negoziati” ed ecco come faremo: tramite un sondaggio che abbiamo commissionato in Siria, con una diretta in streaming con cui siriani potranno avanzare le loro rivendicazioni direttamente ai negoziatori, e tramite la richiesta di un milione di noi da tutto il mondo per un cessate il fuoco subito.

Ci sono voluti tre anni e un enorme bagno di sangue per arrivare a questo vertice, e ora abbiamo solo poche ore per riuscire a farci sentire. Ma se in tutto il mondo saremo tantissimi nel richiedere una tregua, e facendoci vedere sugli schermi della conferenza, potremo dare il nostro contributo alla fine di questo massacro. Più numerose saranno le nostre voci, maggiore sarà l’attenzione che riceveremo, e maggiore sarà la pressione che metteremo sui negoziatori per ottenere una risposta. Firma per chiedere il cessate il fuoco in Siria, ora.

Spargi la voce

Clicca per copiare: