Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l' Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie .
OK

Rendiamo globale la vittoria di Kaia

Rendiamo globale la vittoria di Kaia

Kaia* aveva unici anni quando è stata assaltata e violenata mentre andava a scuola. Una insegnante l’ha portata in ospedale, ma poi ha dovuto addirittura corrompere la polizia anche solo per poter sporgere denuncia.

La reazione di Kaia è stata incredibilmente coraggiosa. Ha denunciato la polizia per non aver fatto nulla per proteggerla. Ma la cosa ancora più incredibile è quello che è accaduto subito dopo.

In Kenya dove vive Kaia, una donna o una ragazza vengono stuprate ogni 30 minuti. La polizia di norma chiude gli occhi, isolando ulteriormente le giovani sopravvissute e rinforzando l’idea che lo stupro è accettato.

Kaia e altri dieci altri giovani sopravvissute hanno messo in discussione tutto ciò. Nel giorno del processo, ignorando le minacce alla loro salute e il blocco da parte della sicurezza hanno marciato dalle loro case fino alla corte, intonando “Haki yangu” — che in Kiswahili “Voglio i miei diritti.” Dopo di tutto ciò il giudice ha emesso la sentenza: le ragazze avevano vinto!


Le incredibili sostenitrici e avvocati per i diritti umani che avevano lavorato con Kaia sono pronte a portare processi simili contro le forze di polizia in tutta l’Africa e oltre, ma hanno bisogno di fondi per farlo. Non processeremo le promesse di donazioni finché raggiungeremo il nostro obiettivo, ma se saremo in molti a fare una piccola promessa di donazione ora, potremo replicare questa vittoria svolta in altri paesi, ricordando alla polizia che lo stupro è un crimine, e facendo incredibili passi avanti contro la guerra globale contro le donne.


* Kaia è uno pseudonimo, ma la sua storia è reale. Quella in questa pagina non è la sua foto.