Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

Zuckerberg: Ripulisci WhatsApp!

Al CEO di Facebook Mark Zuckerberg, al CEO di WhatsApp Chris Daniels, ai legislatori di tutto il mondo:

Ci sono prove schiaccianti che Whatsapp sia diventata un'arma di distruzione democratica di massa. Chiediamo che Facebook aggiorni immediatamente WhatsApp per difenderne gli utenti dalla disinformazione, se necessario rendendo la criptatura opzionale in modo che le persone possano decidere di aiutare nel controllo delle notizie. Dovete cancellare tutti i profili falsi e fraudolenti e correggere tutte le notizie false che circolano sulle vostre piattaforme in modo tempestivo.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:
Per favore, abilita i comandi Javascript per visualizzare questa pagina web nel migliore dei modi
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.

Recenti firmatari

È davvero terrificante: l'uomo appena eletto presidente del Brasile vuole invadere di ruspe l'Amazzonia, ha minacciato di uccidere 30mila oppositori politici, e inneggia alle dittature del passato. E pochi mesi fa quasi nessuno voleva votare per lui. Come diavolo ha fatto a vincere?!

WhatsApp. E Facebook.

Mark Zuckerberg, il capo di entrambe, è rimasto a guardare mentre venivano spesi illegalmente milioni di dollari per inondarle di notizie false e messaggi di odio -- finché milioni di persone non hanno creduto a un improponibile fascista più che a chiunque altro.

Avrebbe potuto fermarli e informare gli utenti. Non l'ha fatto. Ora sta a noi sfruttare questo momento perché Facebook si prenda le sue responsabilità per la disinformazione e l'odio diffusi tramite le sue pagine e WhatsApp, prima che altri sfruttino lo stesso sistema per arrivare al potere.
Pubblicato il: 1 Novembre 2018