Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l' Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie .
OK
Presidente Colombiano Juan Manuel Santos: Ci rivolgiamo per salvare la comunità indigena Wayúu

Presidente Colombiano Juan Manuel Santos: Ci rivolgiamo per salvare la comunità indigena Wayúu

1 persone hanno firmato. Arriviamo a
50 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Avaaz.org protegge la tua privacy e ti tiene informato su questa e altre campagne simili.
Questa petizione è stata creata da Stefano F. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
Stefano F.
ha lanciato questa petizione diretta a:
Presidente Colombiano Juan Manuel Santos
Ciao a tutta la comunità ! Ultimamente sto seguendo in internet diversi argomenti riguardanti i progetti umanitari nel mondo, perchè sto decidendo di dare una svolta importante alla mia vita. Girando per il web mi sono reso conto che molti popoli fanno davvero fatica a far sentire la loro voce e far valere i loro anche più basilari diritti come quello dell'acqua in questo mondo consumistico ormai sordo a qualsiasi richiesta di aiuti umanitari. Il caso specifico riguarda la popolazione indigena Wayùu, situata nella zona di La Guajira, vicino al confine tra Colombia e Venezuela. Purtroppo non sono un "gran divulgatore" di notizie, per cui vi riporto un'estratto dell'articolo riguardante l'argomento :

"Dopo tanti anni di emarginazione e povertà, la comunità Wayuu che
vive in Colombia e Venezuela, deve ancora lottare per far sentire la
propria voce.
Le persone di questa comunità, che si trova nella penisola deserta
della Guajira all'estremo nord della Colombia e nei territori in comune
con il Venezuela, sono costrette ad affrontare una terribile
combinazione di fame, malnutrizione e sete. La ragione principale? Sul
fiume che attraversa la regione è stata costruita una diga e le sue
acque sono state privatizzate per favorire l'estrazione del carbone e
l'agricoltura industriale.
A pagarne le drammatiche conseguenze sono soprattutto i bambini. La
comunità ha presentato un reclamo alla Commissione Interamericana dei
Diritti Umani allo scopo di costringere il governo colombiano a liberare
il flusso d'acqua del fiume. La loro petizione fa luce ancora una volta su un tema che è stato spesso protagonista nei notiziari, a partire dalla seconda metà del 2014. I difensori della comunità hanno richiesto più volte programmi, donazioni e progetti umanitari che potessero aiutare la popolazione indigena, ma pochi di essi sono poi diventati realtà.
I Wayuu sono il più grande gruppo indigeno del Venezuela e della Colombia. Rappresentano
circa l'11% della popolazione dello stato venezuelano del Zulia e quasi
il 45% del dipartimento di La Guajira."

Senza pensare di poter "abbattere" la diga, anche se sarebbe la soluzione ideale, secondo il mio punto di vista, sarebbe opportuno poter realizzare un progetto in grado di realizzare un sistema di canalizzazione, di modo che anche queste popolazioni indigene possano ritornare ad avere accesso a quello che è l'elemento fondamentale per la vita, l'acqua.

Grazie a tutta AVAAZ !




Pubblicata (Aggiornata )