La più grande riserva naturale del mondo

Ai presidenti di Colombia, Venezuela e Brasile:

La preoccupazione per il cambiamento climatico sta crescendo in tutto il mondo e la rapida devastazione della foresta Amazzonica è un problema che ci riguarda tutti. Per questo vi chiediamo con urgenza di lavorare, in accordo con le popolazioni indigene, per creare la più grande riserva naturale del mondo, a tutela di 1 milione e 350mila chilometri quadrati di Amazzonia. Questa decisione potrebbe essere la vostra eredità più grande per il mondo, e il progetto più importante da presentare al prossimo vertice ONU sul clima.
 
Sei già membro di Avaaz? Inserisci la tua e-mail e premi "Invia".
Prima volta su Avaaz? Per favore compila i campi qui sotto.
Avaaz.org protegge la tua privacy e ti tiene informato su questa e altre campagne simili.

in Amazzonia potremmo essere a un passo dal creare la più grande riserva naturale del mondo: 1 milione e 350mila chilometri quadrati, come se facessimo un parco dalla Sicilia fino alla Norvegia. E ormai è l’unico progetto che può salvare l’Amazzonia da un disboscamento senza freni e illegale, ma serve un'enorme pressione internazionale per convincere alcuni Paesi ancora incerti.

La Colombia è già pronta a sostenere il piano. E le possiamo dare una mano: mettendo assieme un grande appello globale per salvare l’Amazzonia e poi commissionando sondaggi che mostrino che anche in Brasile e Venezuela i cittadini vogliono questo parco. Questi Paesi stanno cercando di conquistare un ruolo importante nel prossimo vertice ONU sul clima e se ci mobiliteremo subito capiranno che questa è la loro occasione.

L’Amazzonia è semplicemente indispensabile per il Pianeta. Ospita il 10% delle specie conosciute, e i suoi miliardi di alberi hanno un ruolo fondamentale nel rallentare il cambiamento climatico a livello globale. Gli esperti dicono che questa riserva naturale è l’unico modo per fermare davvero il disboscamento ormai fuori controllo. Firma ora e non appena saremo a 1 milione di firme le consegneremo ai capi delle comunità indigene che le porteranno direttamente ai loro governi in Colombia, Brasile e Venezuela.