Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
AGCOM - AUTORITA' PER LE COMUNICAZIONI:  BLOCCO Reg. n° 452/2013 - PER NON CENSURARE IL WEB!!

AGCOM - AUTORITA' PER LE COMUNICAZIONI: BLOCCO Reg. n° 452/2013 - PER NON CENSURARE IL WEB!!

1,239 persone hanno firmato. Arriviamo a  10,000
1,239 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.
Questa petizione è stata creata da Paolo R. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
Paolo R.
ha lanciato questa petizione diretta a:
AGCOM - AUTORITA' PER LE COMUNICAZIONI
Vi chiediamo di non adottare la nuova regolamentazione numero 452/2013 che vi darebbe il potere di rimuovere contenuti da siti internet italiani e di chiudere i siti stranieri, se sospettati di violare il copyright. Nessuna decisione che sopprime la libertà della rete e i nostri diritti fondamentali di accedere alle informazioni può essere presa senza la decisione di un giudice. Il Parlamento sta decidendo già di questi temi. Vi chiediamo di rimettere la questione al Parlamento, come prevede la nostra Costituzione.


Alla Commissione e ai parlamentari Europei Cari Parlamentari Europei e Membri della Commissione Vi chiediamo di attivarvi per fermare l’adozione della regolamentazione 452/2013 dell’autorità per le garanzie nelle comunicazioni italiana darebbe, senza una norma parlamentare e senza il ricorso ad un giudice, per la prima volta in Europa, il potere di rimuovere entro 48 ore contenuti da siti internet italiani e di chiudere i siti stranieri, se sospettati di violare il copyright. Il regolamento viola l’articolo 52.1 della stessa Carta dell’unione Europea che prevede “eventuali limitazioni all’esercizio dei diritti e delle libertà riconosciuti dalla presente Carta devono essere previste dalla legge e rispettare il contenuto essenziali di detti diritti e libertà” Nessuna decisione che sopprime la libertà della rete e i nostri diritti fondamentali di accedere alle informazioni può essere presa senza la decisione di un Parlamento e senza un giudice. Il Parlamento Italiano sta decidendo già di questi temi, in contrasto con le regole d’urgenza dell’Agcom. Vi chiediamo di rimettere la questione al Parlamento Italiano, e di richiedere all’ UE la sospensione dell’approvazione delle Regole dell’AGCOM.