Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
Questa petizione è chiusa
AIUTIAMO GIADA AD USCIRE DALL'INFERNO

AIUTIAMO GIADA AD USCIRE DALL'INFERNO

Questa petizione è chiusa
522 persone hanno firmato. Arriviamo a  750
522 Sostenitori

DANIELA
ha lanciato questa petizione diretta a:
presidente.tribunale.napolinord@giustiziacert.it,
tribmin.napoli@giustizia.it,
av@pccs.va,
postacertificata@comuneaversa.it,
presidenza.repubblica@quirinale.it,
Presidente del Tribunale dei Minori di Napoli-Aversa, dott.ssa Patrizia Esposito, Sua Santità Papa Francesco Bergoglio, Sindaco del Comune di Aversa arch. Domenico De Cristofaro, Presidente della Repubblica Sergio Mattarella
Chiediamo che Giada (nome di fantasia), 13enne di Aversa (Caserta), venga salvata dalla violenza fisica e psicologica di don Michele Barone e dall'ignoranza dei suoi genitori che la tengono segregata in casa, a digiuno, in quanto ritenuta posseduta dal demonio (caso segnalato dalla trasmissione "Le Iene" con un servizio raccapricciante e documentato andato in onda il 14/02/18). Chiediamo l’intervento della magistratura per fare chiarezza sulla correttezza e legalità dell'operato del sacerdote Barone, del Vescovo Spinilli e della Polizia che ha raccolto la denuncia della sorella della vittima senza avviare le opportune indagini.
Chiediamo che alla ragazza vengano restituite la vita, la libertà e la dignita'.