Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

Presidente Monti: salva Internet dal bavaglio!

Al Presidente del Consiglio Mario Monti:

In qualità di cittadini preoccupati, le chiediamo di fermare immediatamente tutte le iniziative del governo volte a dare all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) il potere di censurare siti internet senza mandato del giudice. Le chiediamo inoltre di riaffermare pubblicamente che solo il Parlamento può approvare leggi che incidono sui nostri diritti fondamentali, inclusa la libertà di espressione, come affermato dalla Costituzione. Ci affidiamo a lei per proteggere la libertà di Internet in quanto pilastro fondamentale della nostra democrazia.

Sei già membro di Avaaz? Inserisci la tua e-mail e premi "Invia".
Prima volta su Avaaz? Per favore compila i campi qui sotto.
Aggiungi il tuo numero di telefono se vuoi ricevere nostre notizie via telefono o SMS.
Aderendo a questa campagna acconsenti a ricevere le email di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti illustra come possono essere usati. Puoi disiscriverti in ogni momento.

Recenti firmatari

Da un momento all'altro il governo Monti potrebbe approvare una legge che ucciderebbe la libertà di Internet così come la conosciamo oggi: mancano pochi giorni e solo una grande mobilitazione pubblica può fermarlo.

Alcuni quotidiani hanno fatto trapelare la bozza di una legge scritta in segreto dal governo che darebbe all’Autorità delle Comunicazioni (AGCOM) il potere di chiudere qualunque sito internet per il semplice sospetto di violazione del diritto d’autore. Le potenti lobby dell’industria e dei media stanno facendo pressione sul governo affinché la legge sia adottata il prima possibile, ma oltre 30 parlamentari hanno lanciato l’allarme e se saremo in tanti ad agire ora potremo convincere il Presidente Monti ad abbandonare la legge bavaglio e a proteggere la nostra libertà della Rete.

Lo scorso anno la campagna di Avaaz ha generato un ciclone mediatico enorme e fermato l’AGCOM dall'adottare di nascosto un regolamento bavaglio simile a questa legge: possiamo farlo di nuovo. Monti è sempre più sensibile all’opinione pubblica man mano che la sua popolarità scende: ora è il momento di farci ascoltare. Firma la petizione per chiedergli di abbandonare il bavaglio e salvare Internet: le nostre firme saranno consegnate agli uffici del Presidente, ai ministri chiave e ai media.
Pubblicato il: 11 Aprile 2012

Spargi la voce

Clicca per copiare: