La più grande ed efficace comunità online di campagne per il cambiamento

Alla Regione Friuli V.G. e Commissione Cultura della provincia di Udine ed eventualmente alla conferenza dei capigruppo. Riconoscimento della Lingua Resiana.

La petizione è in attesa di approvazione dalla comunità di Avaaz
Alla Regione Friuli V.G. e Commissione Cultura della provincia di Udine ed eventualmente alla conferenza dei capigruppo. Riconoscimento della Lingua Resiana.
  
  

 


Perché è importante

La Lingua Resiana è parlata in Friuli-Venezia Giulia, in una bellissima valle incastonata tra le Alpi Giulie all'estremo est dell'Italia settentrionale. La Val Resia è abitano da circa 1200 persone. La Lingua Resiana è stata Riconosciuta dall'Unesco come Lingua in pericolo di estinzione. Di recente alcuni studi sul DNA, hanno evidenziato che il Resiano non è assolutamente apparentato con nessuna popolazione dell'Europa Centrale e Occidentale,tanto meno con i Friulani e gli Sloveni. Gli studi portano all'Europa dell'Est, si presume zona Caucasica. Vogliamo ricordare ai Sig. Consiglieri Provinciali di Udine, che slavo non significa sloveno e che lingua slava non significa lingua slovena. Nel mondo ci sono decine di lingue slave e di popoli slavi che nulla hanno a che fare con la slovenia, compreso il Resiano che è giunto nell'attuale luogo ben 100 anni prima che gli sloveni si insediassero dove attualmente sono. Resta per noi un mistero come la nostra lingua possa essere un loro dialetto. Poiché state facendo la perpetrazione ambito territoriale di tutela della lingua slovena nella Provincia di Udine. Vogliate togliere Resia dalla ""tutela"" dello sloveno della quale non ne sentiamo alcuna necessità. Il nostro popolo può contare ormai su pochi elementi e pertanto non ci saranno molte firme elettroniche, ma sappiate che l'unanimità dei Resiani è per lasciare la cosiddetta ""tutela"" slovena. Un grazie di cuore a tutti coloro che comprendono la nostra situazione.L'invito e rivolto a Voi tutti. Firma ora e condividi su Facebook, Twitter, posta elettronica, ovunque, mentre siamo ancora in tempo.

Pubblicata Febbraio 6, 2016
Segnala contenuto inappropriato
Clicca per copiare: