Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
La più grande ed efficace comunità online di campagne per il cambiamento

Papa Francesco: Inserire la parola pedofilia nel Catechismo

Papa Francesco: Inserire la parola pedofilia nel Catechismo
  
  

 


Perché è importante

ITALIANO
Se la Chiesa, con il suo Catechismo, non ne parla, dice solo che non ne vuole parlare. È bene invece che negli oratori, nei campi scuola, ovunque, quando si fa catechismo, si usi anche questa parola: allora magari un bambino o una bambina può capire cosa le è successo poche ore prima, a casa o magari col prete, e può parlarne con qualche adulto che andrà a denunciare ai carabinieri. Parlare fa bene. Sempre.

Diamo ai bambini abusati la possibilità di dire cosa succede loro, diamo loro le parole per dirlo: la parola pedofilia non c'è nel Catechismo. La pedofilia è una piaga che deve essere identificata per poter essere distrutta. Sono molti i casi di pedofilia che, ogni anno in tutto il mondo, vedono coinvolti membri del clero e della Chiesa Cattolica. Papa Benedetto XVI e Papa Francesco hanno inserito regole, controlli e sanzioni più severe ma tutti sappiamo che la strada da fare è ancora molta. Nel Catechismo sono presenti espressioni come "stupro", "incesto", "scandalo", con le quali si allude ad essa, ma non c'è il sostantivo "pedofilia" [Cfr. CCC 2356, 2388, 2389]. Con questa petizione chiedo (insieme a coloro che vorranno sottoscrivere) a Papa Francesco di inserire "pedofilia" nel Catechismo (l'esposizione ufficiale della dottrina e del pensiero della Chiesa Cattolica) per permettere di identificare, descrivere e quindi condannare questo delitto orribile nonché peccato gravissimo. Solo chiamando le cose con il proprio nome, senza timore e senza troppo formalismo, è possibile combatterle, tutti insieme.

ESPAÑOL
Si la Iglesia, con su Catecismo no habla, solo dice que no quiere hablar de ello. En cambio, serìa oportuno que en las parroquias, en los campamentos de verano, o en cualquier lugar donde se enseñe el catecismo, se use esta palabra: entonces quizàs un niño o una niña puede entender lo que le ocurriò con anterioridad, en casa o incluso con el cura, y puede hablar con alguien mayor que lo denunciarà a la policia. Hablar hace bien. Siempre.

Demos a los niños que han sufrido abusos la oportunidad de decir lo que les sucede; démosles las palabras adecuadas puesto que la palabra pedofilia no está en el Catecismo. La pedofilia es una plaga que debe ser identificada para poder después ser destruida. Hay muchos casos de pedofilia que, todos los años y en todo el mundo, se refieren a miembros del clero o màs genericamente de la Iglesia Católica. Los papas Benedicto XVI y Francisco han introducido normas, controles y sanciones más estrictas, pero todos sabemos que todavía hay un largo camino por recorrer. En el Catecismo se usan expresiones como "violación", "incesto", "escándalo", con las que se alude a conceptos cercanos a ella, pero sin nombrarla explicitamente: "pedofilia" [Ver. CCC 2356, 2388, 2389]. Con esta petición pido (junto con aquellos que deseen firmarla) al Papa Francisco, que incluya la palabra "pedofilia" en el Catecismo (en cuanto exposición oficial de la doctrina y el pensamiento de la Iglesia Católica) que permita identificar, describir y luego condenar este horrible delito que es ademàs un pecado gravisimo. Solo llamando a las cosas con su nombre propio, sin temor y sin demasiado formalismo, es posible vencerlas todos a una.

ENGLISH
If the Church, with her Catechism, does’t talk about it, It only says that It does’t want to talk about it. It’s good instead that in the oratories, in the school camps, everywhere, when doing catechism, educators also use this word: then maybe a child or a girl can understand what happened a few hours before, at home or maybe with the priest, and they can talk about it with some adults who will report to the authority. Talking is good. Always.

We give to abused children the opportunity to say what happens to them, we give them the words to say: the word “pedophilia” is not in the Catechism. Pedophilia is a plague that must be identified in order to be destroyed. There are many cases of pedophilia which, every year in the whole world, involve members of the clergy and of the Catholic Church. Pope Benedict XVI and Pope Francis have introduced stricter rules, controls and sanctions, but we all know that there is still a long way to go. In the Catechism there are expressions such as "rape", "incest", "scandal", with which alludes to it, but there is no noun "pedophilia" [Cf. CCC 2356, 2388, 2389]. With this petition I ask (together with those who want to subscribe) to Pope Francis to insert "pedophilia" in the Catechism (the official exposition of the Catholic Church's doctrine and thought) to allow to identify, describe and therefore condemn this horrible crime as well as sin very serious. Only by calling things by their own name, without fear and without too much formalism, it is possible to fight them all together.









Pubblicata Aprile 8, 2018
Segnala contenuto inappropriato
Clicca per copiare: