Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l' Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie .
OK
Chi vuole conoscere la verità sugli UFO?

Chi vuole conoscere la verità sugli UFO?

85 persone hanno firmato. Arriviamo a 1,000
85 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Avaaz.org protegge la tua privacy e ti tiene informato su questa e altre campagne simili.
Questa petizione è stata creata da Luigi B. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
Luigi B.
ha lanciato questa petizione diretta a:
Barack Obama
Da troppi anni i Governi di tutto il mondo stanno eseguendo in modo collaborativo una regolare attività di occultamento della verità sull’esistenza di forme di vita extraterrestre , questa è una realtà che va affrontata, il popolo del mondo ha bisogno di sapere. In passato, migliaia di anni fa, siamo stati visitati da culture di altri mondi che, attraverso la loro conoscenza, hanno lasciato dei chiari segni del loro passaggio. Da troppi anni vengono avvistati migliaia di “ oggetti non identificati ” su tutto il globo e, tali fenomeni, vengono sistematicamente liquidati come palloni aerostatici e allucinazioni di gruppo, compresi i casi in cui sono ex piloti civili e militari ad avvistarli! Un pilota è una persona con una profonda conoscenza di velivoli, convenzionali e non. Già durante la seconda guerra mondiale vengono riportate diverse testimonianze di piloti dell'aeronautica militare alleata che asseriscono di essere stati accompagnati in volo da strani fenomeni luminosi, in un primo momento scambiati per ipotetiche armi segrete nemiche. Questi oggetti o fenomeni ottici, rivelatisi innocui e soprannominati dai piloti come Foo fighters (caccia infuocati), oltre a manifestare comportamenti riconducibili, secondo alcuni, a " forme di intelligenza non umane ", manifestavano spesso incredibile velocità e strabilianti manovre , ai limiti delle leggi fisiche, impossibili per i piloti dell'epoca.

L’incidente di Thomas Mantell - Il primo avvistamento collettivo di UFO avvenne il 7 gennaio 1948 quando, alle 14.00 a Maysville (Kentucky), molte decine di persone videro un oggetto circolare che emanava una luce rossa sorvolare la città. Dall'aeroporto militare di Fort Knox si sollevò una squadra di aerei da caccia P-51 guidata dal capitano Thomas Mantell per inseguire l'oggetto. I velivoli erano però sprovvisti di ossigeno e Mantell, che inseguì l'oggetto fino ad alta quota, secondo la versione ufficiale rimase vittima della manovra dopo aver comunicato alla torre di controllo di trovarsi di fronte ad un oggetto metallico di enormi dimensioni . Secondo la versione dell'esercito, Mantell, avrebbe avuto delle allucinazioni per l'alta quota, scambiando per un disco volante il pallone meteorologico della marina Skyhook. Sempre la carenza di ossigeno gli avrebbe poi fatto perdere conoscenza, provocando l'incidente aereo.

L’incidente di Fukuoka (Giappone) - È considerato uno dei primi avvistamenti avvenuti nel dopoguerra al di fuori del territorio americano. Il 15 ottobre 1948 un caccia notturno statunitense Black Widow stava volando in perlustrazione sull'isola di Kyūshū in Giappone, ad una quota di circa 1.500 metri. L'equipaggio era composto da due persone, il tenente Oliver Hamphill (pilota) e il sottotenente Borton Halter (radarista). Alle 23.05 il radarista rilevò l'eco di un oggetto, distante circa 8 Km. Il caccia aumentò la velocità per raggiungerlo, ma l'oggetto fece lo stesso e sparì . Dopo poco tempo ricomparve nuovamente sul radar e l'aereo fece un nuovo tentativo di intercettarlo, ma inutilmente. L'oggetto riapparve per la terza volta sul radar, ma stavolta fu visto anche dal pilota che, alla luce della luna piena , poté osservare che aveva una lunghezza compresa fra i 6 e i 9 metri e una forma cilindrica con la coda tronca. L'oggetto scomparve e ricomparve altre tre volte mentre il caccia tentava inutilmente di inseguirlo. Dopo il sesto ed ultimo tentativo di intercettazione l'oggetto sconosciuto accelerò fino ad una velocità valutata dal pilota di circa 1.900 Km/h e scomparve in 15 secondi. L'avvistamento durò in totale 10 minuti. Le stazioni radar a terra, a differenza del radar dell'aereo, non rilevarono nulla. Il caso fu studiato nell'ambito del Progetto Sign e fu classificato come " inesplicato ”. Il capitano Edward J. Ruppelt, direttore del Progetto Blue Book , disse successivamente che questo fu uno dei primi casi in cui un UFO venne rilevato da un radar.

Il Progetto Blue Book fu uno studio condotto dal 1947 al 1969 dall’aeronautica militare statunitense (USAF) che, dopo aver “analizzato” 12.618 avvistamenti, concluse che i casi rimasti classificati come “ non identificatinon mostravano alcuna evidenza di sviluppo tecnologico e principi sconosciuti alla scienza moderna, né provavano di essere veicoli extraterrestri . Il Progetto fu però aspramente criticato da Josef Allen Hynek (astronomo e ufologo statunitense e consigliere scientifico nel Progetto Blue Book); egli definì le conclusioni del Progetto " illogiche " ed " antiscientifiche ", sostenendo anche che nessuno dei due compiti assegnati era stato portato a termine in modo adeguato , ovvero: 1. Determinare se gli UFO costituiscano una minaccia . 2. Utilizzare i dati tecnico-scientifici ottenuti dai rapporti UFO ; disse infine che lo staff risultò essere assolutamente inadeguato sia per dimensioni sia per capacità scientifiche.

Con questa petizione chiediamo al presidente degli Stati Uniti Barack Obama, poiché l’esponente maggiormente rappresentativo della nazione più potente al mondo, di rivelare le informazioni riservate in possesso del Governo americano poiché non si tratta più di “informazioni riservate”, ma di questioni che dovrebbero essere di dominio pubblico. Ci rivolgiamo al presidente degli Stati Uniti con la speranza che ciò possa innescare un processo a catena nei confronti di tutte le nazioni del mondo che si stanno comportando allo stesso modo.

Il 10 dicembre 2012 perfino il Primo Ministro della Federazione Russa dichiarò in un fuori onda accidentalmente registrato: "Sono tra noi, non posso dire quanti, perchè sarebbe il panico".


Pubblicata (Aggiornata )