Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l' Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie .
OK
GIU' LE MANI DAI BAMBINI!

GIU' LE MANI DAI BAMBINI!

17 persone hanno firmato. Arriviamo a 100
17 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Avaaz.org protegge la tua privacy e ti tiene informato su questa e altre campagne simili.
Questa petizione è stata creata da Davide B. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
Davide B.
ha lanciato questa petizione diretta a:
Francesco Profumo - Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), Giorgio Napolitano - Presidente della Repubblica Italiana
L’industria alimentare si è accordata con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) per gestire l’educazione alimentare nelle scuole.

Anche l’EXPO’ 2015 prevede interventi dell’industria per l’educazione alimentare.

Perché le nostre istituzioni delegano all’industria un tema così delicato?.

L’interesse del governo, in questo tempo di crisi, è di risparmiare e di promuovere la crescita.
L’interesse dell’industria è di aumentare il fatturato. Quindi affare fatto. Il mercato regolerà tutto.

Se la petizione avrà successo, avremo scongiurato l'ennesimo accordo-capestro tra il nostro Governo e i cd. "poteri forti".

Sono il padre di due ragazzi di 11 e 14 anni e viviamo a Carpi, in provincia di Modena. L'Italia è sempre stato un paese all'avanguardia in campo alimentare e per i miei figli auspico un'educazione alimentare progettata da menti eccelse in questo campo, come per esempio il Prof. Franco Berrino, uno dei maggiori oncologi italiani, esperti del rapporto tra alimenti e neoplasie, già direttore del dipartimento di Medicina preventiva e predittiva dell’Istituto nazionale per lo studio e la cura dei tumori di Milano.
Pubblicata (Aggiornata )