Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
RIAPRIAMO LA STRADA CARLO SOLMI, PRESSO SAN GIACOMO, A FURORE (SA)!

RIAPRIAMO LA STRADA CARLO SOLMI, PRESSO SAN GIACOMO, A FURORE (SA)!

115 persone hanno firmato. Arriviamo a  200
115 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.
Questa petizione è stata creata da Antonella M. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
Antonella M.
ha lanciato questa petizione diretta a:
IL COMUNE DI FURORE
PREMESSO che:       
- A seguito del temporale verificatosi tra le ore 10 e le 11 del mattino del giorno 7 settembre 2019, dal lato della montagna che costeggia VIA CARLO SOLMI DI FURORE, all'altezza della casa del numero civico n.1, si sono distaccati e precipitati al suolo due massi di rilevante dimensione, ostruendo il passaggio; 
- Dal sopralluogo effettuato dall’Ufficio Tecnico del Comune di Furore  è
emerso che il costone in questione non è munito di alcuna protezione e, pertanto, sarebbe una minaccia per la pubblica incolumità; 
- Nelle more di un’indagine conoscitiva, volta a meglio definire la pericolosità del costone franato, con provvedimento n. 23 del 9.9.2019, è stata ordinata la chiusura del traffico veicolare e pedonale della strada Via Carlo Solmi fino all'eliminazione della descritta situazione di pericolo;

- E' INIZIATO LO STALLO E IL RIMPALLO DI RESPONSABILITÀ:essendo controversa la titolarità del costone “fonte del pericolo”, non è chiaro chi sia il soggetto obbligato a fare i lavori e ristabilire la sicurezza;
CONSIDERATO CHE  la  chiusura di questa stradicciola comunale
penalizza in modo significativo i cittadini che la percorrono abitualmente  per l’esercizio delle loro quotidiane attività e crea disagio ai fedeli,
specie anziani, che ogni domenica e in
occasione di altre festività desiderano raggiungere comodamente l'affezionata Chiesa di San Giacomo, situata a monte di questa via;
TENUTO CONTO  che la strada è un bene pubblico e, dunque,SEMPRE PERMANE la possibilità per il Comune, in nome di un interesse pubblico preminente, DI ESEGUIRE i necessari lavori di messa in sicurezza del costone franato, e fatto sempre salvo il  diritto di rivalersi sul privato proprietario, una volta identificato con certezza;

NOI CITTADINI SOTTOSCRITTORI CHIEDIAMO ALL' AUTORITA' COMUNALE DI RIAPRIRE, in tempi rapidi, VIA CARLO SOLMI, incaricando, previa apposita perizia, gli interventi necessari ad eliminare il pericolo imminente e ripristinare lo statu quo ante.
Pubblicato il: 9 Novembre 2019 (Aggiornata:  12 Novembre 2019)