Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
ONU al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite: salviamo Ashraf Fayadh, poeta condannato a morte in Arabia Saudita

ONU al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite: salviamo Ashraf Fayadh, poeta condannato a morte in Arabia Saudita

186 persone hanno firmato. Arriviamo a  200
186 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.
Questa petizione è stata creata da Marco C. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
Marco C.
ha lanciato questa petizione diretta a:
ONU al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite
Ashraf Fayadh, 35 anni, poeta ed artista palestinese, è rappresentante
dell’organizzazione di artisti britannico-saudita Edge of Arabia. Nel
2013 è stato tra i curatori della mostra Rhizoma alla Biennale di
Venezia. È stato arrestato nel gennaio del 2014 e nel maggio dello
stesso anno è stato condannato a quattro anni di prigione e 800 frustate
da un tribunale di Abha, nel sudovest dell’Arabia Saudita. Dopo che il
suo primo ricorso è stato respinto, una nuova corte lo ha condannato a
morte. È accusato di aver promosso l’ateismo con i suoi testi inclusi
nell’antologia poetica “Instructions within” (2008).
Pubblicato il: 21 Novembre 2015