Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
Più democrazia diretta per l'Italia, ora!

Più democrazia diretta per l'Italia, ora!

60 persone hanno firmato. Arriviamo a  1,000
60 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.
Questa petizione è stata creata da Claudio C. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
Claudio C.
ha lanciato questa petizione diretta a:
Presidente del Senato,
Presidente della Camera,
Presidente del Consiglio

La Proposta di legge costituzionale di iniziativa popolare "Quorum Zero e Più Democrazia" è già depositata in Parlamento dal 24 agosto 2012 assieme alle firme certificate di oltre 50.000 cittadini italiani e aspetta solo di essere tolta da un cassetto! Le elezioni si avvicinano, e nessuno parla di dare ai cittadini gli strumenti per avere voce in capitolo! Facciamo pressione perchè la proposta diventi una priorità del nuovo governo!
La proposta agisce su alcuni articoli della Costituzione italiana per migliorare gli strumenti di democrazia diretta già esistenti e introdurne di nuovi in Italia, ma utilizzati da più di un secolo in altri paesi del mondo come la Svizzera e la California.
L'obiettivo è quello di migliorare il funzionamento della democrazia italiana affiancando alla democrazia rappresentativa attuale, strumenti che diano la possibilità ai cittadini di far sentire la loro voce e di prendere decisioni che riguardano la cosa pubblica, come già indicato dalla nostra Costituzione, che non prevede un monopolio di pochi sulle decisioni che riguardano la "res publica".

Si consiglia di leggere il testo completo, con la spiegazione dettagliata dei vari punti, disponibile anche sul sito della Camera dei Deputati al seguente indirizzo: http://nuovo.camera.it/_dati/leg16/lavori/stampati/pdf/16PDL0063510.pdf

I punti qualificanti della proposta di legge sono i seguenti:
- Quorum zero in tutti i referendum (chi vota decide, come nelle elezioni dei rappresentanti).
- Revoca degli eletti, che previa raccolta di un numero elevato di firme, possono essere sottoposti a votazione di revoca del mandato (come in California, Svizzera, Venezuela, Bolivia).
- Indennità dei parlamentari stabilita dai cittadini al momento del voto.
- Referendum propositivo (come in California).
- Iniziativa di legge popolare a voto popolare (come in Svizzera), passa in parlamento, dove può essere accettata, rifiutata oppure generare una controproposta, ma poi viene votata dai cittadini.
- Referendum confermativo (come in Svizzera). Tutte le leggi create dal parlamento, prima di entrare in vigore, possono essere poste a votazione popolare, previa raccolta delle firme necessarie.
- Referendum obbligatori in alcune tipologie di leggi in cui i rappresentanti hanno un conflitto di interessi (es. finanziamento partiti, leggi elettorali) e sui trattati internazionali e sulle leggi urgenti (entrano subito in vigore, ma entro un anno devono essere obbligatoriamente approvate dai cittadini con referendum).
- Possibilità da parte dei cittadini di proporre modifiche alla Costituzione (come in Svizzera dal 1891), mediante proposta di legge popolare a voto popolare.
- Petizione con obbligo di risposta entro 3 mesi.
- Iniziativa di legge popolare a voto parlamentare con obbligo di trattazione in parlamento in 12 mesi. Se ciò non accade diviene referendum e va al voto popolare.
- Nessun limite di materie referendabili (come in Svizzera), tutto ciò che può essere discusso dai rappresentanti, può essere messo a referendum e votato dai cittadini.
- Cittadini autenticatori (oltre alle figure previste oggi per legge).
- Utilizzo di firme elettroniche (come per la Iniziativa dei Cittadini Europei).
- Obbligo di introduzione di strumenti di democrazia diretta a livello locale senza quorum.

Pubblicato il: 9 Gennaio 2013 (Aggiornata:  14 Aprile 2015)