Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l' Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie .
OK
Presidente della Repubblica: ABOLIRE IL TESTO UNICO SULLA RAPPRESENTANZA SINDACALE

Presidente della Repubblica: ABOLIRE IL TESTO UNICO SULLA RAPPRESENTANZA SINDACALE

104 persone hanno firmato. Arriviamo a 200
104 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Avaaz.org protegge la tua privacy e ti tiene informato su questa e altre campagne simili.
Questa petizione è stata creata da Di F. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
Di F.
ha lanciato questa petizione diretta a:
Presidente della Repubblica
PER UNA REALE DEMOCRAZIA DELLA RAPPRESENTANZA NEI POSTI DI LAVORO Egregio Presidente della Repubblica, Egregi rappresentanti dei Gruppi Parlamentari, vi chiediamo quali garanti dei diritti costituzionali e dei fondamenti democratici della Repubblica Italiana di tutelare il diritto di sciopero dei lavoratori, quale unico strumento diretto, che consente ai lavoratori di difendere le proprie legittime aspettative, in una realtà sociale che oggi le vede spesso schiacciate dal cinismo del sistema economico e di tutelare il diritto dei lavoratori di scegliere liberamente i propri rappresentanti sindacali. Per questo vi chiediamo di attivarvi per superare gli accordi contenuti nel nuovo Testo Unico sulla Rappresentanza, siglati dalle Organizzazioni Sindacali maggioritarie con le associazioni di categoria, senza aver consultato il parere dei lavoratori e senza considerazione alcuna per tutti i lavoratori non direttamente rappresentati da tali organizzazioni. Misura della Rappresentanza Con gli accordi contenuti nel testo unico sulla rappresentanza si nega, ai sindacati non firmatari, il riconoscimento delle deleghe sottoscritte dai singoli lavoratori e parallelamente si misura la rappresentanza in funzione delle deleghe stesse, certificata da enti ministeriali quali Cnel e Inps, falsando di fatto la reale rappresentatività delle diverse organizzazioni e la democrazia sostanziale nei luoghi di lavoro. Elezioni delle RSU e contrattazione collettiva Il presupposto per partecipare alle elezioni RSU è la firma dell'accordo del 10 gennaio 2014. Inoltre, potranno partecipare alla contrattazione collettiva, sulla base dei dati associativi comunicati al CNEL, i sindacati che avranno raggiunto la soglia del 5%, sulla base di una media tra le iscrizioni al sindacato certificate, in prima istanza dalle aziende e il dato elettorale delle Rsu. I voti legittimamente raccolti - e gli eventuali rappresentanti eletti - da tutti quei sindacati o liste che non hanno firmato l'accordo in questione non saranno ritenuti validi. Inoltre i delegati RSU regolarmente eletti che decidessero di cambiare tessera sindacale dopo l'elezione decadono automaticamente dal loro ruolo di delegati. L'elezione della RSU, sia per il rinnovo che per il passaggio da RSA a RSU contemplato nell'accordo stesso, potrà avvenire solo a discrezione dei sottoscrittori dell'accordo. Limitazione di Diritti e Tutele Le RSU e le organizzazioni sindacali che sottoscrivono gli accordi non potranno organizzare scioperi e forme conflittuali di protesta contro i contratti e gli accordi firmati, pena multe e perdita di agibilità sindacale; non potranno più organizzare proteste e scioperi durante le trattative, azzerando l’unica possibilità per i lavoratori di ottenere qualche conquista. Così anche il diritto alla tutela diventa un fatto meramente discrezionale, deciso dai soggetti firmatari degli accordi. Vi chiediamo pertanto di promuovere finalmente una legge sulla Rappresentanza che: 1.      Rimetta ai lavoratori il diritto di scegliere i propri rappresentanti sindacali, democraticamente e senza vincoli, nelle singole realtà lavorative, 2.      Abolisca e impedisca gli accordi tra organizzazioni, che limitano di fatto il Diritto di Sciopero costituzionalmente garantito.
Pubblicata (Aggiornata )