Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
Artigianato e piccola imprenditoria possono rialzarsi dal covid-19, se tutelati

Artigianato e piccola imprenditoria possono rialzarsi dal covid-19, se tutelati

55 persone hanno firmato. Arriviamo a  100
55 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.
Questa petizione è stata creata da Giulia L. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
Giulia L.
ha lanciato questa petizione diretta a:
Amministrazioni comunali del Polesine, provincia e regione.
"Governo Italiano
Ti vedo come un vestito formale indossato da una bella Donna baciata dal Sole e custode della Cultura del Mondo.
Un vestito indossato per essere alla pari degli altri amici governi, ma che allo stesso tempo stringe, comprime e fa sudare.
L'Italia me la immagino con un bel vestito sgargiante e il suo stivale col tacco. Me la immagino ballare un ballo popolare, non incravattata al tavolo dei governi del mondo!"

Il popolo è portato a subire quotidianamente le decisioni dettate da indici finanziari, a lavorare senza sentirsi proprietari né della propria attività né del proprio futuro.
Abbiamo sopportato fino ad ora, supportando economicamente un sistema in cui non si crede più, consapevoli che la chiave di svolta sarebbe arrivata.
Eccola, sotto forma di Virus senza frontiere, che uccide, senza la Sacralità di un rito di passaggio, senza una carezza..

Ingiusto è dare per scontato che i costi derivanti dalle attività interessate dal dal Dpcm 9 marzo 2020 per l'emergenza in atto siano da imputare ai titolari.
E' assolutamente inopportuno che la soluzione proposta agli imprenditori siano finanziamenti a tasso agevolato...
Deve essere istituito un soggetto terzo, capace di agire nel locale e fungere da cuscinetto per preservare i contratti in essere, garantendo la sussistenza delle piccole attività.
Riteniamo che la modalità più opportuna per risolvere questa situazione sia affidare alle amministrazioni locali l'onere e l'onore di occuparsi della sussistenza delle nostre attività commerciali.

«L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.»
Capostipite della nostra costituzione. l'articolo UNO ci protegge.

Firmando questa petizione individuiamo, come attore responsAbile di tutela, l'amministrazione comunale in cui la sede legale o la sede operativa è ubicata.
Sarà quindi il primo cittadino o chi da lui delegato a fare in modo che le nostre richieste vengano raccolte, formalizzate e girate agli organi competenti.

Abbiamo bisogno di essere ascoltati.

Esiste un precedente storico in cui l'amministrazione locale si è rivelata un buon mediatore per risolvere una situazione di ingiustizia sociale:
Avvenuta nel territorio polesano il 16 luglio del 1942, a Taglio di Po, l'insurrezione delle Donne tagliolesi è documentata nel libro "Raccontando di Taglio di Po" di Marangoni cav. Ermete (1989).

Le affermazioni sopra citate vengono riportate alla luce dei Dpcm ad oggi in vigore (5 aprile 2020) con particolare attenzione al decreto "Cura Italia" pubblicato in gazzetta ufficiale il 17 Marzo 2020. 









Pubblicato il: 5 Aprile 2020 (Aggiornata:  14 Aprile 2020)