Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
No alla disinformazione sull'esperimento SOX nei Laboratori del Gran Sasso

No alla disinformazione sull'esperimento SOX nei Laboratori del Gran Sasso

736 persone hanno firmato. Arriviamo a  1,000
736 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.
Questa petizione è stata creata da giorgio c. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
giorgio c.
ha lanciato questa petizione diretta a:
Al Presidente della Regione Abruzzo,
Al Direttore dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso,
Ministro dell'interno,
Ministro dello Sviluppo Economico,
Ministro della Salute,
Direttore Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale
A seguito di un servizio disinformativo andato in onda nella trasmissione televisiva le Iene il 21 Novembre, la commissione Attività produttive della regione Abruzzo ha votato all'unanimità una risoluzione per chiedere il "blocco immediato e definitivo" dell'esperimento SOX nei Laboratori Nazionali del Gran Sasso.

Da oltre 30 anni nei Laboratori Nazionali del gran Sasso si svolgono esperimenti di fisica delle particelle elementari, che ci permettono di capire il funzionamento dell'universo e comprovare le teorie che ne sono alla base.

Il SOX (Short distance neutrino Oscillations with BoreXino), è uno degli esperimenti attualmente attivi e prevede la rivelazione dei neutrini, delle particelle piccolissime e molto difficili da osservare perché in grado di attraversare la maggior parte di materiali.
Per la rivelazione verranno utilizzati 40 grammi di un materiale naturalmente radioattivo, il Cerio 144, che non ha niente a che vedere con la fissione nucleare utilizzata nei reattori e che non può esplodere neppure a seguito di azioni deliberate.

Il Cerio sarà protetto da un guscio di 2 tonnellate che riesce a schermare la sua radioattività naturale mille miliardi di volte, secondo le regole e raccomandazioni dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e dei ministeri della Salute, dell’Ambiente, del Lavoro, dell’Interno e dello Sviluppo Economico.
Il guscio inoltre protegge il Cerio anche a seguito di incidenti, urti e incendi e durante il trasporto verranno assicurate tutti gli standard di sicurezza internazionali.

Come anche ripetuto dall'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, il SOX non rappresenta in alcun modo un rischio, né per la popolazione né per l'ambiente, né tanto meno per i lavoratori dei Laboratori del Gran Sasso.

Alla luce delle informazioni false e allarmanti alla popolazione da parte dei mezzi di comunicazione e rivendicando il diritto a una divulgazione scientifica seria e di qualità, chiediamo al presidente della regione Abruzzo di ignorare della mozione per il blocco dell'esperimento SOX e agli organi di massima competenza di garantire il pieno regime di operatività dell'esperimento, affinché i Laboratori Nazionali del Gran Sasso continuino a rivestire il ruolo di primo piano nella ricerca internazionale della fisica delle particelle e del progresso umano.

Questione a parte e non inerente all'esperimento SOX è invece la messa in sicurezza degli impianti di captazione di acqua potabile.
Chiediamo per questo ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso e alle autorità di competenza la piena messa sicurezza di tutti gli impianti speriementali, anche quelli non utilizzati dall'esperiemento SOX, nel rispetto del benessere e della sicurezza della popolazione e della cittadinanza.