Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
NO all'elettrodotto Okroglo-Udine, NO al raddoppio della centrale nucleare di Krsko (Slovenia)

NO all'elettrodotto Okroglo-Udine, NO al raddoppio della centrale nucleare di Krsko (Slovenia)

327 persone hanno firmato. Arriviamo a  500
327 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.
Questa petizione è stata creata da ADRIANA Z. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
ADRIANA Z.
ha lanciato questa petizione diretta a:
Commissario Europeo per l'Ambiente Janez Potocnik,
"Gentilissimo Commissario Europeo per l'Ambiente

Janez Potocnik,

noi firmatari Le chiediamo di intervenire al fine di salvaguardare l'ambiente interessato dal progetto dell'elettrodotto transfrontaliero italo-sloveno Okroglo-Udine, linea collegata alla centrale nucleare di Krsko in Slovenia.

Cerchiamo di descriverLe in poche righe questa terra del Nord Est d'Italia.

Il F.V.G. è una delle regioni italiane a maggiore biodiversità con una superficie poco superiore al 2,5% del Territorio nazionale, grazie alla posizione geografica che funge da crocevia e rappresenta anche un punto di incontro tra Paesi, popoli e culture differenti. La Regione si è dotata di un sistema di tutela della biodiversità articolato nella Rete Natura 2000 ( decine di siti di interesse comunitario e zone di protezione speciale) e nel sistema di Parchi e riserve naturali regionali (2 Parchi naturali regionali, 3 Riserve naturali statali e 11 Riserve naturali, 30 Biotopi e l’insieme dei prati stabili della pianura,) come ad esempio: le Dolomiti Friulane, la Foce dell’Isonzo, le Foci dello Stella, Miramare, le Prealpi Giulie, la Val Rosandra, il Bosco Romagno, la foresta di Fusine, il Bosco Plessiva, ecc…. e poco oltre confine, in Slovenia, per le sue caratteristiche bisogna citare lo splendido parco del Tricorno o Triglav.

Nelle Valli del Natisone i piccoli paesi di montagna conservano ancora intatte alcune delle loro tradizioni, come quelle caratteristiche del carnevale, mentre nella prima pianura dopo i colli e a pochi chilometri da Udine, si trova Cividale, recentemente inserita nei siti tutelati dall' 'Unesco.

In questi paesaggi quasi da fiaba, dovrebbero inserirsi " più alti della torre di Pisa" i piloni dell'elettrodotto aereo previsto per la linea Okroglo-Udine, lungo un percorso di circa 120 km, distruggendo boschi, prati, campi, quello che rimane della delicata economia di montagna, inquinando e procurando un gravissimo impatto ambientale su territori che sono a vocazione turistica.

Si vuole ricordare inoltre, che dopo gli incidenti di Cernobyl e Fukushima, la centrale di Krsko desta non poche preoccupazione fra le abitanti dei Paesi limitrofi.

Confidiamo nel suo sostegno per bloccare questo ecocidio per questi motivi:

- Per preservare e proteggere la biodiversità minacciata dall'inquinamento elettromagnetico.
- Per proteggere gli ecosistemi, non solo i suoi componenti come il suolo, l’aria, la flora e la fauna
- Per avviare la trasformazione verso un mondo sostenibile accettando la sfida di una rivoluzione energetica.
- Per assicurare un futuro alle prossime generazioni
- Per contribuire a un cambiamento nei valori e nei diritti che attribuiamo alla Terra e salvare il Pianeta a un destino di rovina e devastazione continua.

Con osservanza."

Firmiamo per proteggere il patrimonio ambientale del Friuli Venezia Giulia, bloccare quest’opera che verrebbe costruita su un territorio naturale e antropizzato e portare l'attenzione sulla centrale nucleare di Krsko.

Alcuni sostenitori del NO: Comitato per la Vita del Friuli Rurale, attraverso comunicati stampa, periodico "Il Ponte" di Cividale del Friuli, con una petizione popolare su moduli cartacei indirizzata all'Amministrazione Regionale e alcuni Sindaci, attraverso riunioni con la popolazione.

Consulta il sito di: www.salviamoilpaesaggio.it