Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
NO al Traffico Motorizzato su Sentieri, Mulattiere, Pascoli e Boschi

NO al Traffico Motorizzato su Sentieri, Mulattiere, Pascoli e Boschi

42,721 persone hanno firmato. Arriviamo a  50,000
42,721 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Aderendo a questa campagna acconsenti a ricevere le email di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti illustra come possono essere usati. Puoi disiscriverti in ogni momento.
Questa petizione è stata creata da Club Alpino Italiano Regione Lombardia . e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
Club Alpino Italiano Regione Lombardia .
ha lanciato questa petizione diretta a:
Consiglio Regionale Lombardia

AGGIORNAMENTO AL 5 GIUGNO 2014

Nulla è cambiato nella sostanza da aprile:

abbiamo pochissimo tempo: firma e condividi con i tuoi contatti per dire NO ai MEZZI MOTORIZZATI SU STRADE AGRO SILVO PASTORALI, BOSCHI, PASCOLI, SENTIERI E MULATTIERE!!!

l’ 8 LUGLIO il Consiglio Regionale della Lombardia, dopo aver rimandato la decisione a dopo le elezioni, PONE IN VOTAZIONE il PDL 124 che ripresenta la possibilità per i Comuni di AUTORIZZARE lo svolgimento di MANIFESTAZIONI che prevedono il transito di mezzi motorizzati (MOTO, SUV, QUAD..) su strade agro silvo pastorali, nei boschi, nei pascoli, sulle mulattiere e sui sentieri in aggiunta a quello previsto dalle ordinarie autorizzazioni per i mezzi di servizio e per per motivi di lavoro.

Lo scenario che si profila è quello di veder ATTIRATI i moto club in Lombardia, provenienti dall’estero e dalle Regioni ove questa pratica è opportunamente vietata, con il favore dei COMUNI che, gravati da noti PROBLEMI DI BILANCIO possono ricavarne qualche entrata.

Le conseguenze sul patrimonio naturale e sentieristico sarebbero GRAVISSIME!

Come già espresso nelle compiute osservazioni presentate nelle precedenti audizioni e osservazioni al PDL 124, si ritiene invece non procrastinabile l’emanazione, da parte del legislatore regionale, di una specifica legge finalizzata al riconoscimento, alla valorizzazione e alla tutela del patrimonio sentieristico.