Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
Consiglio Regionale della Lombardia: SI!!! al traffico motorizzato su sentieri e mulattiere.

Consiglio Regionale della Lombardia: SI!!! al traffico motorizzato su sentieri e mulattiere.

6,628 persone hanno firmato. Arriviamo a  7,500
6,628 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.
Questa petizione è stata creata da Roberto C. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
Roberto C.
ha lanciato questa petizione diretta a:
Consiglio Regionale della Lombardia
L'attività fuoristradistica motorizzata si svolge da decenni su strade e sentieri delle colline e montagne lombarde e non vi sono dati significativi che questa attività sportiva abbia arrecato danni irreparabili; non solo, quando sono stati rilevati danni ai sentieri, gli appassionati hanno sempre provveduto a sistemare quanto danneggiato. Lo stesso non lo si può dire dei rifugi alpini che hanno cementificato le nostre montagne lombarde degradando irreparabilmente l'ambiente anche ad alta quota.
La pratica del motociclismo in fuoristrada ha portato i piloti italiani e soprattutto lombardi ai massimi successi in ambito sportivo in campo internazionale, dove hanno ottenute decine e decine di titoli mondiali, dando lustro all'Italia e alla Lombardia.
Vietare il transito a sentieri e mulattiere vorrebbe dire impedire ai piloti lombardi di svolgere la normale attività di allenamento.
Lo svolgimento di una manifestazione agonistica fuoristradistica porta inoltre un importante contributo all'economia locale, spesso in aree che soffrono, più di altre, l'attuale crisi economica. Non a caso i moto club lombardi, deputati all'organizzazione di gare, ricevono quotidianamente richieste scritte da parte di sindaci di comuni lombardi ad organizzare gare sul loro territorio.