Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
Vittoria
Vittoria! Salvi orsi e lupi, il Parco d'Abruzzo non si tocca!

Vittoria! Salvi orsi e lupi, il Parco d'Abruzzo non si tocca!

Vittoria
202,066 persone hanno firmato. Arriviamo a  300,000
202,066 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.
Questa petizione è stata creata da Animal Amnesty . e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
Animal Amnesty .
ha lanciato questa petizione diretta a:
Consiglio regionale abruzzese,
Luca Ricciuti
Il consiglio regionale d'Abruzzo ha ritirato la proposta di legge per sventrare il Parco Regionale Sirente Velino, dopo la consegna delle firme effettuata direttamente dagli attivisti di Animal Amnesty e di Avaaz.
Quotidiani nazionali e telegiornali hanno parlato della petizione e la politica ha dovuto prendere atto che la maggioranza dei cittadini chiedeva la tutela del parco.

Aggiornamento: La pressione sta funzionando. Abbiamo raggiunto 100mila firme in due giorni e il consiglio regionale d'Abruzzo ha dovuto rimandare la decisione! Se ognuno di noi condivide subito con 10 persone li possiamo fermare!

E' incredibile, ma con un blitz dell'ultimo minuto tra poche ore potrebbero demolire il Parco Regionale Sirente Velino in Abruzzo, dove vivono specie protette come l'orso marsicano!

Il Consigliere Regionale Luca Ricciuti ha proposto di eliminare oltre 4.000 ettari di fascia protetta a ridosso dei Comuni di Rocca di Mezzo e Rocca di Cambio per “creare una zona di caccia e per consentire alcuni progetti immobiliari”!

Ciò implicherebbe che questo territorio destinato alle specie protette e non, tra le quali l’ orso marsicano e il lupo, finirebbe nelle mani di cacciatori e costruttori. Il tutto verrà discusso giovedì 12 Dicembre (data slittata al 17 dicembre in seguito alle proteste) e abbiamo poche ore per fermarli! In estate la nostra offensiva mediatica ha funzionato, continuiamo a farci sentire!

Non permettiamo questo scempio e questa violenza verso uno dei pochi polmoni verdi ancora rimasti in Italia! Firma subito la petizione e condividila con tutti! Consegneremo tutte le firme al Presidente del Consiglio regionale appena prima dell'inizio della seduta decisiva.