Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
Corte di Cassazione di Tirana (Albania): Salviamo l'unica parrocchia cattolica di Elbasan dalla demolizione

Corte di Cassazione di Tirana (Albania): Salviamo l'unica parrocchia cattolica di Elbasan dalla demolizione

2,917 persone hanno firmato. Arriviamo a  3,000
2,917 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Aderendo a questa campagna acconsenti a ricevere le email di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti illustra come possono essere usati. Puoi disiscriverti in ogni momento.
Questa petizione è stata creata da Fabrizio F. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
Fabrizio F.
ha lanciato questa petizione diretta a:
Corte di Cassazione di Tirana (Albania)
Da anni il terreno su cui sorgono la chiesa San Pio X ed il Centro pastorale di Elbasan, affidati alla cura pastorale degli Orionini, sono al centro di una controversia per la sua proprietà. Tutto sembrava dovesse risolversi tramite una Commissione istituita tra Governo albanese e Chiesa cattolica, come previsto dal Concordato, invece una Commissione giudicante della Cassazione di Tirana, riunitasi giovedì 5 febbraio, si è espressa in maniera definitiva respingendo il ricorso della Chiesa cattolica di Albania e della Avvocatura dello Stato sulla questione. La sentenza, divenendo operativa, obbliga a liberare il terreno dalle costruzioni, demolendo la chiesa ed il Centro pastorale, e a restituirlo.
Questo terreno fu venduto 20 anni fa dallo Stato alla Chiesa cattolica, e su di esso è stata costruita la chiesa e il Centro pastorale con la licenza edilizia rilasciata dalle autorità competenti locali. L’inaugurazione avvenne nel 1997. Nel 2007 un cittadino musulmano ha rivendicato l’antica proprietà della sua famiglia di quel medesimo terreno e il Tribunale gliel’ha riconosciuta. La chiesa è l’unica parrocchia cattolica in una vasta Provincia di oltre 125.000 abitanti che resteranno senza un punto di aggregazione, di incontro, di preghiera, di spiritualità.