Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
Fermiamo la distruzione delle Alpi Apuane

Fermiamo la distruzione delle Alpi Apuane

101,647 persone hanno firmato. Arriviamo a  200,000
101,647 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.
Questa petizione è stata creata da Giulio M. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
Giulio M.
ha lanciato questa petizione diretta a:
Il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.,
A tutti i Consiglieri della Regione Toscana,
Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini,
Ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti
Vittoria!!! Venerdì 27 Marzo il Consiglio Regionale della Toscana ha votato l'emendamento del Governo - Ministero dei Beni Culturali, salvando il piano Paesaggistico e tutelando grandi aree delle Alpi Apuane mettendo per la prima volta nella storia dei limiti e delle regole all'estrazione di marmo! Il supporto della nostra comunità è stato fondamentale, grazie a tutti!

Aggiornamento 26 marzo 2015: Superate le 100mila firme! Le abbiamo consegnate al Consiglio Regionale finendo su tutti i giornali, ma il voto finale è stato rimandato a domani, teniamo alta la pressione.

Aggiornamento 2 luglio 2014: A poche ore dal voto in Consiglio abbiamo consegnato quasi 90mila firme al Presidente della Regione Rossi, ma purtroppo non sono servite e la chiusura delle cave nel Parco non è stata approvata. Ma ora i Ministri competenti hanno due mesi di tempo per richiedere delle modifiche: portiamo la pressione a livello nazionale, raggiungiamo al più presto le 100mila firme!

Stanno facendo a pezzi le Alpi Apuane, uno dei luoghi più belli d'Italia, per la voracità di poche famiglie che ne vendono il marmo a peso d'oro: una nuova legge regionale potrebbe fermare questo disastro, ma non passerà mai a meno che non agiamo subito.

Il marmo delle Apuane appartiene a un'antica tradizione, ma le nuove tecnologie e una selvaggia speculazione hanno consentito l'apertura di oltre 300 cave, di cui 70 all'interno del Parco naturale riconosciuto dall'Unesco: ogni giorno fanno saltare in aria enormi pezzi di montagna in pochi secondi, inquinando i fiumi, le fonti, l'aria e distruggendo l'habitat di specie protette. Un'enorme mobilitazione di associazioni locali e membri di Avaaz, finendo su tutti i giornali, ha spinto il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi a promettere la chiusura graduale delle cave nei parchi. Ma poi si è rimangiato tutto.

Sotto la pressione della potente lobby del marmo, la proposta di chiudere le cave nei parchi è stata cancellata, ma ora il Ministri dei Beni Culturali e il Ministro dell'Ambiente possono chiedere che venga nuovamente inserito. Siamo finiti ovunque sui media regionali e quelli nazionali, ma dobbiamo continuare a tenere alta la pressione affinché i Ministri si facciano sentire. Firma subito e condividi con tutti.