Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
Governo, Ministero della Salute: La Medicina omeopatica può curare! Pero i medicinali costano troppo

Governo, Ministero della Salute: La Medicina omeopatica può curare! Pero i medicinali costano troppo

46 persone hanno firmato. Arriviamo a  1,000,000
46 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.
Questa petizione è stata creata da J M. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
J M.
ha lanciato questa petizione diretta a:
Governo, Ministero della Salute,
Ministero del Turismo e dell'ambiente
SANITÀ, EDUCAZIONE, TURISMO E CULTURA SONO IL PANE DELLA NOSTRA NATURA!!
Ti starai chiedendo cosa hanno a che fare queste parole con te, con me e la mia richiesta. Be’, vogliono dire …. TUTTO!
Ti chiedo di offrimi solo un po' del tuo tempo e di leggere di seguito. Scoprirai che quanto sto per descrivere, rientra anche nel tuo interesse e di chi ti è accanto.

Nel 2012
mi fu diagnosticata una patologia rara conosciuta come SINDROME DI STIFF-MAN o SINDROME DELLA PERSONA RIGIDA, che colpisce una persona su un milione in qualunque momento della sua vita, ma principalmente verso i quarant’anni.

Qui ti aggiungo un link informativo, così puoi avere un'idea più chiara

http://www.orpha.net/consor/cgi-bin/OC_Exp.php?Lng=IT&Expert=3198

Da quel momento, iniziò per me un calvario fatto di attese, richieste e dubbie risposte. Feci il classico "giro delle 7 chiese", balzando da uno specialista all’altro, da un ospedale all’altro, senza ottenere quasi nulla. Tra visite ospedaliere, saltando e rimbalzando tra vari reparti, trascorse parecchio tempo prima che qualcuno mi dicesse “A te serve un Neurologo”. Quanti ticket sanitari e tempo sprecati, dietro alla troppa burocrazia, alle lunghe attese. Per disinformazione, per ignoranza, per negligenza, anche. Ok, avevo bisogno di un neurologo… Credete sia finita qui? Be’, a dire il vero era appena iniziata, perché nessuno, in Italia come nel resto del mondo, sapeva e sa bene quali siano le cure valide al mio problema, comunque cronico e tendente al peggio.
Sentivo sempre dirmi la stessa cosa. “La tua è una patologia rara, proviamo a vedere cosa succede con...” e “il con…” era sempre lo stesso trattamento: una sorta di esperimento, che viene applicato in molti Paesi, che consiste nel “lavare” il sangue e renderlo più ossigenato. In alcuni casi, funziona, in altri non fa proprio niente e tante altre volte, se riesce a interagire con il corpo, fa comunque neanche la metà di quello che dovrebbe. È una pratica lunga e molto dolorosa, che debilita chi vi è sottoposto e dalla quale io uscivo sempre sfinito. Facevo già fatica ad alzarmi o tentare di muovermi senza, ma dopo ogni seduta (ne facevo una a settimana e la cosa è durata per 6 mesi) per 3 o 4 giorni era come se un macchina spianatrice mi fosse passata sopra, avanti e indietro ripetutamente!
PLASMA -TRATTAMENTO, PLASMAFERISIS, è chiamato il trattamento, al quale si sono aggiunti parecchi tranquillizzanti (PSICOFARMACI!!!) sempre in via esperimentale, perché nel mio caso dovevano fungere da MIO-RILASSANTI. Non che io non capisca il significato di un mio-rilassante, ma quello che mi ha sempre preoccupato è il contenuto descritto nel foglio informativo di questi medicinali!! SONO PSICOFARMACI e con queste cose non credo si possa giocare a “fare le prove”.
In ogni caso avevo una vasta scelta tra LYRICA, DIAZEPAM o CLONAZEPAM… Pensate che, addirittura, ci fu un giovane "professore", che non era neanche tra il gruppo di neurologi che allora seguivano il mio caso, che suggerì ai suoi colleghi di somministrami anche dalle 60 alle 80 gocce di VALIUM!! È vero, non sono un medico, ma non serve un genio per capire che questi medicinali possono crearti altri problemi (non sto dicendo che in casi veramente estremi questi non debbano o possano essere somministrati, ma è indubbio che ci voglia il criterio che non è stato adottato con me). Nel mio caso, decisero di somministrarmi il CLONAZEPAM, nome tecnico di mercato RIVOTRIL. Ne prendevo dalle 24 alle 30 gocce al giorno. Effetti secondari come fobie assurde, paure e paranoie, cominciarono a farsi sentire quasi da subito (ad es: attraversare le strade, scendere un gradino del marciapiede, non poter salire su un mezzo di trasporto, prendere un oggetto qualunque e tante altre cose, che una persona realizza nel suo vivere quotidiano.) Ma sai cosa è che veramente fa paura? SAPER CHE HAI PAURA DI AVERE PAURA! A questo potete aggiungere il dolore fisico che mi pungolava ormai da ANNI, mischiato a delle contrazione muscolari e crampi molto dolorose e praticamente inspiegabili.

Alla fine di una serie di sedute, il neurologo che mi seguiva ebbe la brillante idea di smettere di seguire il mio caso. Così, senza spiegazioni. E io mi ritrovai di nuovo al punto di partenza, con qualche paranoia sulle spalle in più di prima.
Non avevo comunque intenzione di arrendermi, come non ce l’ho adesso, quindi, essendo io il primo a essere interessato nel voler capire cosa stesse accadendo al mio corpo, mi misi in testa di guarire, in un modo o nell’altro. Questo improvviso blocco fisico e psicologico non mi permetteva di essere utile a me stesso, ma neanche alla società nella quale vivevo, o alla mia famiglia. Iniziai a navigare in rete, facendo delle ricerche mirate. Fu così che, tra link e link, scoprii che L'AGOPUNTUIRA trattava già secoli fa questa patologia! Contattai via e-mail tutti quelli che avevano redatto gli articoli presenti su internet, chiedendo ulteriori informazione a chi conoscesse qualcosa in merito. Così, conobbi una Dottoressa che, anche se aveva conseguito una Laurea in Neurologia, e lavorato per molti anni in un riconosciuto policlinico di Roma, aveva scelto di lavorare in proprio con l'agopuntura.
Non avendo un lavoro, dal luglio 2104 mi venne molto incontro e le sarò sempre molto grato per questo. Iniziai a fare delle sedute di agopuntura, coadiuvato da lei e LA DIFFERENZA E IL RISULTATO FURONO EVIDENTI. ANDAVANO BEN OLTRE LE MIE ASPETTATIVE, mi sentii RINASCERE!!
Trovai estremo giovamento con questa terapia, molto meno invadente DELLA PLASMAFERESIS, e in un'ora circa di seduta, con delle semplicissime punture nei punti giusti, e usando medicinali naturali come L'Apis,(fialetta iniettabili); Cuprum (fialetta iniettabili), Arnica (fialetta iniettabili) o Atropinum, Inizia a setnirmi decisamente meglio. Al posto del cortisone che mi produceva nausea, mal di testa, mi cambiava l'umore, in più aumentava la mia massa fisica (stavo diventando un pallone!!) la dottoressa sostituì il cortisone con il RIBES NIGRUM. Ebbene: nessun riscontro negativo. Capite bene, quindi, che questi medicinali alternativi alla medicina standard, ben più pesante e dagli effetti collaterali invalidanti quasi più della malattia stessa, sono indispensabili per chi come me soffre della malattia di Stiffman. Quando posso permettermi di assumerli, prendo L'ossigeno Liquido (uso sublinguale); il cloruro di Magnesio (ha un sapore orribile, ma i benefici del MAGNESIO sono unici e aiutano, eccome!) e L'ARGENTUM NITRICUM. Perché ho detto “quando posso permettermi di assumerli”?
Perché tutti questi medicinali hanno un costo troppo elevato, soprattutto per chi vorrebbe lavorare ma non trova un impiego a causa di ciò che ha.
Potrete dire che l’omeopatia non sia efficace, ma: · IO, LA DIFFERENZA LA SENTO e sono quasi certo che, nel loro insieme, questi medicinali costino molto meno di tutte le sedute di plasmaferesi o plasma-trattamenti che ho realizzato fino a ora. Voglio solo tornare a essere un elemento socialmente attivo e utile, a me stesso e agli altri, trovando un lavoro tranquillo, magari nello stesso settore che amo come la mia vita e che contraddistingueva la mia esistenza prima di tutto questo: IL TURISMO.

Quello che sto chiedendo insomma, è che consideriate questa petizione e la firmiate, per far si che L'OMEOPATIA E TRATTAMENTI VARI vengano riconosciuti dal SISTEMA SANITARIO NAZIONALE in modo da ottenere una riduzione di prezzo o l’esenzione per chi ne avrebbe il diritto.

È chiaro che nella mia richiesta aggiungo la necessità di trovare un lavoro che possa gestire (lavori impiegatizi). Se qualcuno sa qualcosa… Io sono qui.

Grazie per la Vostra attenzione

Juan Carlos Méndez
jcarlmendez@gmail.com
346 387 73 42


Pubblicato il: 31 Gennaio 2016 (Aggiornata:  4 Febbraio 2016)