Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
Ministro dell'Ambiente: Salviamo le Pinete!

Ministro dell'Ambiente: Salviamo le Pinete!

433 persone hanno firmato. Arriviamo a  5,000
433 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.
Questa petizione è stata creata da Salviamo Le P. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
Salviamo Le P.
ha lanciato questa petizione diretta a:
Ministro dell'Ambiente
Le pinete sono una parte essenziale degli equilibri ambientali e la loro distruzione costituisce un danno per la collettività che il Ministero dell'Ambiente dovrebbe immediatamente evitare e perseguire, ai sensi del vigente Codice dell'Ambiente. In Toscana, così come in tutta Italia stiamo assistendo alla loro distruzione, dal taglio dei pini con le scuse più differenti per gassificarli come biomasse, alla folle eliminazione del sottobosco che le riduce da sistema-bosco a nudo gruppo di alberi. In Maremma sono sotto attacco tutte le pinete litoranee, persino all'interno di Siti Natura 2000, Parco Naturale della Maremma, Riserva umida Diaccia Botrona di importanza internazionale per convenzione Ramsar. Non vengono rispettate le Direttive Habitat e Direttiva Uccelli. Non vengono tutelati i corridoi biologici riconosciuti dalla Regione Toscana dei quali fanno parte tutte le pinete litoranee. Si tagliano pini ultracentenari e centinaia di ettari di sottobosco per i più vari motivi senza nemmeno un piano forestale né una preventiva identificazione e senza valutazioni di impatto ambientale. Le pinete sono apportatrici di benessere, di salute, di longevità e di prosperità per ogni persona ad ogni età, purché ne venga mantenuta ed esaltata la varietà e biodiversità, riducendo al minimo le intrusioni e modificazioni dell'uomo. Come parte essenziale del paesaggio le pinete sono un bene comune di tutti, nella proprietà collettiva sovrana del Popolo Italiano e devono e possono essere difese da ogni cittadino su ogni piano. Stanno scomparendo ettari di pineta e tutto ciò che nelle pinete vive dalle meravigliose orchidee selvatiche alle tartarughe di terra schiacciate ora dai cingolati nei loro rifugi invernali. E' necessario fermare subito questo scempio delle nostre pinete. Ci sono state lasciate dagli Etruschi, abbiamo l'obbligo di salvarle e lasciarle intatte per le future generazioni. Contribuisci con la tua firma a Salvare le Pinete!