Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
Presidente della Repubblica, Presidente del Consiglio dei Ministri: Abolire il segreto di Stato sulla strage di Portella

Presidente della Repubblica, Presidente del Consiglio dei Ministri: Abolire il segreto di Stato sulla strage di Portella

15 persone hanno firmato. Arriviamo a  100
15 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.
Questa petizione è stata creata da Giovanni B. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
Giovanni B.
ha lanciato questa petizione diretta a:
Presidente della Repubblica, Presidente del Consiglio dei Ministri,
,Ministro della Giustizia
Il 16 maggio è morto a Piana degli Albanesi Mario Nicosia - 91 anni - uno degli ultimi superstiti della strage di Portella delle Ginestre.
A circa 70 anni da quel sanguinoso evento non è ancora stato abolito il segreto di Stato sull'accaduto, nonostante molte siano state le promesse in questo
senso, non ultime quelle del Presidente del Consiglio Renzi. Tutto ciò
appare assolutamente paradossale, sia per i tanti anni che sono passati
da quel tristissimo episodio, sia per il fatto che è assolutamente
inconcepibile che uno stato che vuole essere annoverato tra quelli
democratici possa opporre il segreto su un fatto criminale di sangue
perpetrato a danno dei suo appartenenti.
Chiediamo a
gran voce l'abolizione del segreto di Stato da quell'evento sanguinoso e
vergognoso per l'intera storia repubblicana.
Se
quanto auspicato non dovesse accadere molti saranno i dubbi, o le
certezze, che i cittadini nutriranno nei confronti delle istituzioni
che, a quel punto solo a parole; propugnano i valori della giustizia e
della democrazia come elementi fondanti di ogni stato sovrano.