Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
La più grande ed efficace comunità online di campagne per il cambiamento

Appello al Presidente della Repubblica italiana perché ricordi alle istituzioni che esiste l’art. 32 della Costituzione

La petizione è in attesa di approvazione dalla comunità di Avaaz
Appello al Presidente della Repubblica italiana perché ricordi alle
istituzioni che esiste l’art. 32 della Costituzione
  
  

 


Perché è importante

Con grande rispetto, il neonato Gruppo di lavoro “RiambientiAMOci”, composto da cittadini attenti da anni alle conseguenze sulla salute umana dell’inquinamento atmosferico, sostenuto dal Circolo culturale “AmbienteScienze” di Cremona e dall’Ecoistituto della Valle del Ticino, si appella al Presidente della Repubblica perché ricordi ai responsabili delle istituzioni interessate il rispett dell’art. 32 della Costituzione italiana: «La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività …..».
Com’è ben noto, a causa dell’insufficiente ricambio dell’aria dovuto alla morfologia del territorio o a caratterizzanti condizioni atmosferiche, gli abitanti di alcune aree del Paese sono costretti a convivere con una situazione sanitaria che può dirsi drammatica. Il più clamoroso esempio è quello che si registra nelle quattro Regioni della pianura padana, una delle aree più inquinate di Europa e del mondo dove vive circa un terzo della popolazione italiana. In queste Regioni gli abitanti sono costretti ad accettare livelli di mortalità prematura a causa dell’inquinamento dell’aria pari al 65% di quella totale nazionale con una aspettativa di vita inferior
anche di otto mesi rispetto a chi vive in altre Regioni italiane
(Progetto V.I.I.A.S.)

Pubblicata Gennaio 30, 2017
Segnala contenuto inappropriato
Clicca per copiare: