Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
La più grande ed efficace comunità online di campagne per il cambiamento

ai Comuni ANCI, alle Regioni, al Ministero della Salute, al Governo: Applicare la legge sulla prevenzione del randagismo e tutelare gli animali

ai Comuni ANCI, alle Regioni, al Ministero della Salute, al Governo: Applicare la legge sulla prevenzione del randagismo e tutelare gli animali
  
  

 


Perché è importante

I cittadini e le associazioni animaliste chiedono alle Istituzioni di garantire L’APPLICAZIONE DELLA LEGGE PER PREVENIRE E CONTENERE IL FENOMENO DEL RANDAGISMO per la tutela degli animali da affezione e per il relativo buon utilizzo del denaro pubblico.
Mentre circa 10 milioni di italiani godono in famiglia dell'amicizia e della compagnia degli “animali d'affezione”, migliaia di cani abbandonati e reietti sono condannati all'ergastolo nelle celle di canili, grazie all’irresponsabilità e all’insensibilità di cittadini, agli interessi economici di gestori e alla latitanza delle Istituzioni. Sono circa 150 mila i cani all’interno dei canili italiani: Puglia, Campania, Sicilia, Lazio, Calabria sono in cima alle classifiche per numero di randagi chiusi nelle strutture o vaganti per strada. Un gigantesco business di almeno 200 milioni di euro con sofferenza per gli animali e con enorme DANNO ALL'ERARIO.
I canili non sono la soluzione!
Il randagismo è una piaga causata principalmente dal possesso irresponsabile di animali d’affezione e dalla scarsa applicazione della Legge da parte delle Istituzioni.
LE LEGGI CI SONO E’ ORA DI RISPETTARLE!
Rispettare la Legge per prevenire il randagismo e tutelare gli animali è la giusta soluzione!
Per questo
CHIEDIAMO AI COMUNI
• di applicare l’art. 3 della D.P.R. 31.3.1979 in merito alla funzione di vigilanza sull'osservanza delle leggi e dei regolamenti generali e locali relativi alla protezione degli animali e alla difesa del patrimonio zootecnico
• di applicare l’art.4 della L.281/91 dando priorità ai piani di controllo delle nascite attraverso la sterilizzazione (anche stabilendo convenzioni con veterinari privati per ridurre le tariffe e imponendo un “contributo di prevenzione del randagismo” ai possessori di cani fertili) sia per i cani di proprietà che per quelli liberi sul territorio e all’interno dei canili
• di censire i cani presenti sul territorio quindi di vigilare, anche ai sensi dell’art. 3 del DPR 31.03.1979, sul rispetto dell’iscrizione all’anagrafe canina da parte dei cittadini possessori di animali (vedi L.281/91 art.5) e di controllare che i veterinari liberi professionisti informino veramente i clienti sugli obblighi di legge (come da Ordinanza 6 agosto 2008) e segnalino alla ASL i casi di inadempienza (come da Accordo 24 gennaio 2013 da recepire), anche attraverso l’ausilio delle forze di polizia dotate di lettori di microchip (come da Ordinanza 6 agosto 2008) e della collaborazione delle Guardie Zoofile
• di dotarsi di canili pubblici, come da art. 4 della L.281/91, e di tutelare gli animali che non devono diventare oggetto di speculazione in base a gare di appalto con tariffe al ribasso
• di garantire buone condizioni di vita, il rispetto delle necessità di specie compreso il contatto affettivo con i cittadini riuniti in associazioni animaliste e il contatto con la natura, per gli animali all’interno dei canili
• di organizzare i percorsi educativi per i proprietari di cani come da Ordinanza 6 agosto 2013
CHIEDIAMO ALLE GIUNTE REGIONALI
• di applicare l’art 3 della Legge 281/91 e di recepire l’Accordo Stato Regioni del 2013 curando la formazione e l’aggiornamento per il personale degli enti locali e promuovendo concretamente tra i cittadini la cultura del possesso responsabile degli animali da affezione e il rispetto dell’obbligo di identificazione e applicazione del microchip
• di garantire nel rispetto dell’art 3 della legge 281/91 che i canili offrano buone condizioni di vita agli animali, applicando le norme e regolamenti esistenti e dove necessario rivedendoli, abbassando il numero massimo di animali stabulati che non debbono superare i 200 esemplari e favorendo la realizzazione di canili sostenibili (parco-canile), che oltretutto sono meno costosi da costruire, gestire e più rispettosi dell'ambiente
• di prevedere dei protocolli di vigilanza specifici nei canili e che, in ottemperanza all’art 3 della Legge 281/91, siano effettuati corsi di formazione e aggiornamento degli organi di vigilanza degli Enti locali e delle Unità sanitarie locali con particolare attenzione alla Legge 20 luglio 2004 n. 189 per perseguire tutti i casi di rischi di sbranamento, vessazione, isolamento fisico e sensoriale, mancanza di aree di sgambamento o di possibilità di accedervi, mancanza di adeguate coperture a protezione dagli agenti atmosferici rischiosi per la salute degli animali, stabulazione all’interno di edifici senza accesso dai box all’esterno, degenza in condizioni di scarsa luminosità, alimentazione carente e non regolare, ecc.
• di realizzare modelli di disciplinari di gara e di convenzioni per i comuni in merito all’affidamento dei cani e comprendenti obbligatoriamente le norme principali riguardanti la gestione, le adozioni e i rapporti con le associazioni di volontariato, la tipologia di strutture, da realizzare in collaborazione con le associazioni animaliste e i distretti veterinari

CHIEDIAMO AL MINISTERO DELLA SALUTE E AL GOVERNO
• di introdurre misure rigorose per disincentivare i privati a far riprodurre i propri cani e gatti, vista la situazione di emergenza creata dal randagismo soprattutto nel centro sud e i pesanti costi pubblici
• di avviare campagne di comunicazione per educare i privati al possesso responsabile di cani e gatti
di intervenire per eliminare le disomogeneità evidenti tra diverse regioni e stabilire i criteri minimi strutturali e gestionali dei canili, assicurando l’avvio di questo processo virtuoso, che se applicato comporterebbe non solo un beneficio per gli animali, ma anche un enorme risparmio di denaro pubblico
• che sia imposto ai Comuni di incaricare i volontari delle associazioni di tutela animale alla gestione delle adozioni nei canili privati convenzionati e pubblici (vedi art. 5 L.281/91 agg. L. 244/2007 art.2 comma 371) mediante la stipula di protocolli d'intesa che garantiscano la tutela del cane
• che sia vietato ai gestori dei canili di ostacolare l'accesso alle associazioni di tutela animale e la gestione, da parte loro, delle adozioni, pena il ritiro dell'autorizzazione
• di garantire l’applicazione della norma attraverso sanzioni disciplinari ai dirigenti pubblici inadempienti
• di perseguire il mancato mantenimento dei cani da parte dei Comuni all’interno di canili pubblici o privati convenzionati
• di autorizzare l’utilizzo delle cliniche veterinarie mobili, purché correttamente accessoriate, per permettere alle associazioni animaliste di promuovere campagne di sterilizzazione di cani randagi e di privati malgrado l’ostruzionismo e i tentativi di speculazione che talvolta si verificano da parte dei veterinari locali
• di imporre restrizioni al commercio al dettaglio di animali da affezione, disincentivando ulteriormente l’importazione e favorendo l’acquisto presso allevamenti nazionali accreditati
CHIEDIAMO A TUTTE LE ISTITUZIONI IN INDIRIZZO

• di vietare il diniego o l’ostruzionismo all’adozione dei cani dei canili (salvo situazioni di evidente pericolo per gli animali) e al loro affidamento ad associazioni di protezione animale
• di adoperarsi seriamente perché sia garantito il libero accesso nei canili alle associazioni di tutela animale disposte a promuovere le adozioni, inserendo nelle convenzioni con i gestori un’apposita clausola che obblighi al rispetto dell’attività dei volontari a tal fine, pena l’annullamento della convenzione con pagamento di una penale
• di garantire la massima trasparenza, anche attraverso la pubblicazione sui rispettivi siti, dei dati riguardanti la gestione del randagismo e dei canili
• di vigilare sulle strutture che ospitano animali da affezione perseguendo rigorosamente il maltrattamento all’interno di canili lager, allevamenti e cucciolifici


LA PETIZIONE
http://prevenzionerandagismo.altervista.org/

PACCHETTO DI PROPOSTE PIU’ ARTICOLATE: http://prevenzionerandagismo.altervista.org/petizione/proposte-ed-iniziative/

RIFERIMENTI ALLA NORMATIVA VIGENTE (nazionale): http://prevenzionerandagismo.altervista.org/leggi-ci/


Pubblicata Maggio 4, 2014
Segnala contenuto inappropriato
Clicca per copiare: