La più grande ed efficace comunità online di campagne per il cambiamento

Scrivere il titolo della petizione

Dillo in meno di 100 caratteri

Il titolo è la prima cosa che le persone vedono della tua petizione e se non attira la loro attenzione, potrebbe essere l'ultima! Ecco perché è così fondamentale trovare poche parole ma che siano chiare, che suscitino interesse e catturino davvero l'essenza della petizione. Qui trovi alcuni esempi e suggerimenti per migliorare il titolo della petizione.

TIPS:

  • Includi il tuo “meme”: una frase memorabile, che rimane in testa ed è carica di informazioni.
    Esempi di meme: “diamante insanguinato”, “Tibet, Il grido di un popolo”, “le persone prima del profitto”
  • Sii specifico: Dai un nome al destinatario, identifica la parte di legislazione cui fa riferimento la petizione, includi la città o il paese cui ti rivolgi.
  • Usa verbi indicanti un'azione: Fai in modo che tutti vogliano partecipare all'azione.

ESEMPI:

  • Sudafrica: ferma le leggi sulla segretezza!
    E' diretto in modo chiaro a un luogo e a una specifica legislazione e, allo stesso tempo, convince anche chi non ha familiarità con essi.
  • Direttore Miller: smetti di contrastare l'Unione degli Studenti Gay
    Usa verbi che indicano azione e formula la richiesta come una decisione che il destinatario è in grado di prendere.
  • Licenziamo Rupert Murdoch
    Sii diretto: utilizza una frase che possa essere usata per tutta la campagna, che spieghi la richiesta in un linguaggio semplice e facile da ricordare.
  • Nassetta, direttore generale dell'Hilton: smetti le violenze nei tuoi hotel
    Rivolgiti al destinatario in modo diretto, facendo associazioni scioccanti e controverse.
  • Rispondi al grido di aiuto del Tibet, ferma la repressione cinese
    La frase è allo stesso tempo esplicita ed enigmatica: da l'idea che i Tibetani abbiano bisogno d'aiuto per difendersi dalla repressione cinese ma non si capisce esattamente di cosa abbiano bisogno o come poter “rispondere”.
  • Diciamo al Ministro dell'ambiente dell'UE: “Boschetto o Scherzetto” nella linea politica per le nostre foreste?
    Un po' di ironia può portare lontano.