Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l' Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie .
OK

Allarme oranghi: ecco il piano per salvarli.

All'ambasciatore dell'Unione Europea in Indonesia, Olof Skoog, e all'Alto Rappresentante per gli affari esteri dell'Unione Europea, Catherine Ashton:

In quanto cittadini di tutto il mondo siamo preoccupati per la sorte dell’ecosistema di Leuser a Sumatra, una delle foreste pluviali più importanti del pianeta, e le chiediamo di garantire che rimanga protetto. Permettere che quest’area venga aperta agli scavi, alla deforestazione e alle piantagioni di palme da olio sarebbe una catastrofe ambientale. L’Unione Europea ha investito molto nello sviluppo sostenibile della foresta di Aceh, e dovrebbe garantire che tali investimenti non siano messi in pericolo da questo progetto di distruzione. Le chiediamo di far sì che l’Europa agisca subito per salvare l’ecosistema di Leuser per le future generazioni.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.

Recenti firmatari

Allarme oranghi: ecco il piano per salvarli.

L’anno scorso in più di 1 milione e 300mila ci siamo mobilitati per proteggere l’ultimo luogo sulla terra in cui oranghi, tigri, rinoceronti e elefanti vivono ancora liberi. Contro tutti i pronostici, la nostra campagna ha contribuito a fermare il progetto che avrebbe fatto a pezzi buona parte della foresta vergine di Sumatra. Ma ora il governo locale è tornato alla carica, e tocca a noi fermarlo.

Purtroppo la pressione delle industrie dell'olio di palma, della carta e quella mineraria sta funzionando, e sta convincendo il governo a dare il via libera all'abbattimento della foresta. Ma l’Europa ha la possibilità di giocare un ruolo decisivo, essendo un enorme partner commerciale dell'Indonesia, tanto che secondo gli esperti una presa di posizione dell'ambasciatore UE sarebbe sufficiente a salvare definitivamente gli oranghi.

Le associazioni ambientaliste di Sumatra stanno facendo tutto quello che possono per attirare la sua attenzione, e ora hanno chiesto il nostro aiuto per fargli arrivare la richiesta ancora più forte. Facciamogli sentire la nostra pressione da tutto il mondo per fare in modo che agisca prima che sia troppo tardi. Firma ora.

Spargi la voce