Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

Brasile: salvate l’Amazzonia non i corrotti

Al Congresso brasiliano, alla Commissione Speciale del Parlamento, e al Presidente Michel Temer:

Vi chiediamo di ascoltare l’appello del popolo brasiliano e di fermare, una volta per tutte, l’approvazione di leggi, decreti, o qualsiasi altra irresponsabile misura legislativa pensata solo per gli interessi di partiti e politici. Questo abuso sta causando la deforestazione e la distruzione irreversibile della Foresta Amazzonica, parte integrante del patrimonio dell’umanità, per la nostra e per le future generazioni.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:
Per favore, abilita i comandi Javascript per visualizzare questa pagina web nel migliore dei modi
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.

Recenti firmatari

Allarme massimo! Il presidente del Brasile Temer sta cercando di vendere regioni enormi della foresta Amazzonica a imprenditori corrotti in cambio del loro sostegno politico. L’ultimo pezzo di foresta svenduto è grande come metà Italia!

Ma abbiamo un modo per fermarlo. Temer sta già vivendo una enorme crisi di consensi e ha contro praticamente tutta l’opinione pubblica e i media, anche a causa della corruzione e della devastazione ambientale.

Questa settimana cercherà di sfruttare l’assemblea generale delle Nazioni Unite per ottenere un po' di visibilità positiva. Andiamo a New York a rovinare i suoi piani, con milioni di firme e un’azione di disturbo che finisca in prima pagina in tutto il mondo, e rimandiamolo in Brasile con una sola opzione per salvarsi: smettere di distruggere l’Amazzonia.