Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

Facebook: rettifica le bufale!

A Facebook, Twitter e tutte le piattaforme tecnologiche:

Da tutto il mondo, vi chiediamo con urgenza di assumere l'obbligo di rettifica -- collaborando con verificatori di notizie indipendenti per mostrare rettifiche efficaci a tutti coloro che abbiano visto contenuti scoperti come falsi o ingannevoli sulla vostra piattaforma. È la cosa migliore che possiate fare per restaurare la fiducia delle persone, e proteggere la democrazia e la libertà di espressione.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:
Per favore, abilita i comandi Javascript per visualizzare questa pagina web nel migliore dei modi
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.

Recenti firmatari

Questa foto tremenda di una giovane donna picchiata a sangue dalla polizia durante una manifestazione è diventata virale sui social media in Francia.

È il genere di cose per cui Avaaz lancerebbe subito una campagna. Ma c'è un problema: la foto è stata scattata anni fa a Madrid, non c'entra niente con i gilet gialli in Francia. Racconta una storia falsa. Ingannevole. Una bufala.

Ed è pericolosa.

Questo tipo di disinformazione può rendere violente manifestazioni pacifiche, farci perdere fiducia nella democrazia, fino a farci odiare o addirittura uccidere qualcuno. Ed è ovunque, dal Brasile all'India all'Europa. 

In Italia per esempio 7 milioni di persone hanno visto il video di un troll professionista che diceva addirittura di far parte di un complotto contro Salvini al festival di Sanremo! E nessuna di quelle milioni di persone è stata avvisata da Facebook che il video era un falso.

Avaaz sta presentando l’idea a decisori chiave in tutto il mondo, e molti la accolgono con entusiasmo. In questo momento Facebook è sensibile all'opinione pubblica e questa settimana incontreremo alcuni dei suoi dirigenti più importanti -- diamo un appoggio massiccio da ovunque alla rettifica social per le notizie false!
Pubblicato il: 25 Febbraio 2019