Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

Sigmar Gabriel: Aiutami a liberare mio marito

Al Vice Cancelliere e Ministro dell'Economia tedesco, Sigmar Gabriel:

Noi, cittadini di tutto il mondo, estremamente preoccupati dalla vicenda dell'imprigionamento del blogger Raif Badawi, ci appelliamo a lei per chiederle di fare tutto quanto in suo potere per assicurare il suo rilascio immediato e incondizionato, con la garanzia di poter espatriare. Siete tra i maggiori fornitori di armi all'Arabia Saudita: interrompete questo commercio e vincolate ogni futura relazione al rispetto dei diritti umani fondamentali, universalmente riconosciuti, garantendo in questo modo la liberazione di Raif.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:
Per favore, abilita i comandi Javascript per visualizzare questa pagina web nel migliore dei modi
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.

Recenti firmatari

Hanno frustato mio marito pubblicamente, mani e piedi legati, il volto contorto dal dolore. Il solo ricordo è insopportabile. E non gli è bastato, ora pare che lo vogliano addirittura uccidere. Ma potete aiutarmi a salvarlo.

Mi chiamo Ensaf Haidar. L’anno scorso l’Arabia Saudita ha condannato mio marito Raif a 10 anni di prigione e 1000 frustate per aver “insultato l’Islam”. Quello che ha fatto è stato semplicemente aver espresso le sue idee sul suo blog. Raif è un uomo buono, un padre affettuoso. Ci manca, e ora io e le nostre tre bambine temiamo per la sua vita.

Ma ora la Germiania potrebbe aiutarci a liberarlo: tra 48 ore il Ministro dell’Economia sarà in Arabia: se userà la sua influenza per difendere i diritti di Raif, può convincere i leader sauditi a ripensare la pena.

Ho chiesto di persona al Ministro di aiutarci. Ma la mia voce da sola non basta. Per questo vi chiedo di aiutarmi a farlo diventare un appello mondiale per la liberazione di Raif. Unitevi a me e condividete questo appello con tutti.

Ensaf Haidar, moglie di Raif Badawi

Spargi la voce

Clicca per copiare: