Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l' Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie .
OK

CANCELLA IL DEBITO DI HAITI

CANCELLA IL DEBITO DI HAITI:

Petizione ai Ministri delle Finanze, Fondo Monetario Internazionale, Banca Mondiale, Banca Interamericana di Sviluppo, e creditori bilaterali:

Mentre Haiti è impegnata nella ricostruzione dopo il disastro, vi preghiamo di assicurare l'immediato azzeramento del suo debito di 1 miliardo di dollari e di fare in modo che adeguata assistenza d'emergenza per il terremoto sia fornita in forma di sussidi e non di prestiti che si traducono in debiti.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.
CANCELLA IL DEBITO DI HAITI

Mentre le famiglie di Haiti continuano a ricercare sopravvissuti e arrivano i soccorsi, Haiti sta ancora soffocando sotto un vecchio debito di 1 miliardo di dollari dovuto a prestatori di denaro senza scrupoli e a dittatori del passato.

Ma in questi giorni in tutto il mondo si sta chiedendo a gran voce di azzerare il debito di Haiti – e anche se si mormora che alcuni creditori chiave stiano facendo resistenza, il Fondo Monetario Internazionale e alcuni importanti governi hanno dato indicazione che esiste la possibilità di alleggerimento del debito .

C'è bisogno di maggiore pressione. La petizione qui sotto verrà consegnata al Fondo Monetario Internazionale e ai ministri delle finanze del G7 in occasione delle loro importanti riunioni dei prossimi giorni – firma e diffondi la voce:

Spargi la voce