Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

Commissione europea: mettete fine al precariato in Italia!

Al Presidente Barroso e alla Commissione europea:

Vi chiediamo di avviare immediatamente un'indagine sull'applicazione in Italia della direttiva numero 70 del 1999, che vieta la disparità di trattamento fra i lavoratori a tempo determinato e quelli a tempo indeterminato, e di aprire una procedura d'infrazione qualora fosse accertata la sua violazione. E' urgente che il governo italiano metta fine alle discriminazioni cui sono soggetti i quasi 4 milioni di "precari permanenti".

Sei già membro di Avaaz? Inserisci la tua e-mail e premi "Invia".
Aggiungi il tuo numero di telefono se vuoi ricevere nostre notizie via telefono o SMS.
Prima volta su Avaaz? Per favore compila i campi qui sotto.
Aggiungi il tuo numero di telefono se vuoi ricevere nostre notizie via telefono o SMS.
Aderendo a questa campagna acconsenti a ricevere le email di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti illustra come possono essere usati. Puoi disiscriverti in ogni momento.

Recenti firmatari

Quasi 4 milioni di lavoratori precari in Italia faticano a costruirsi un futuro, e ora Berlusconi vuole approvare nuove misure per facilitare i licenziamenti, trasferendo così il peso della crisi economica sui più deboli. Ci rimangono poche ore per far sì che l'Unione europea fermi questo nuovo attacco ai nostri diritti.

Il nostro Parlamento sta per approvare una manovra economica che condannerà milioni di lavoratori italiani alla precarietà estrema e li escluderà dalle protezioni basilari. Ci rimangono poche ore per far sì che l'Unione europea fermi questo nuovo attacco ai nostri diritti.

Berlusconi sta facendo di tutto per fare approvare misure drastiche che faciliterebbero il licenziamento dei lavoratori, spostando così il peso della crisi economica sulle spalle dei più deboli. Ma l'Unione europea ha già richiamato il governo di Berlusconi perché protegga i lavoratori precari. Se oggi saremo in molti a firmare la denuncia formale alla Commissione europea, potremo fare pressione perché costringa il nostro governo ad agire in fretta.

Oggi consegneremo la denuncia e le nostre firme a una conferenza stampa congiunta con personalità di primo piano, come il giuslavoralista Pietro Ichino e la Vice-Presidente del Senato Emma Bonino. Oltre 40.000 di noi si erano già uniti a questa campagna per mettere fine al precariato e per garantire lavori decenti a tutti: raddoppiamo i nostri numeri. Firma a destra e fai il passaparola con tutti!
Pubblicato il: 13 Settembre 2011

Spargi la voce

Clicca per copiare: