Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

24 ore per salvare le Apuane, invia un messaggio!

Nel messaggio qui sotto, scrivi un testo motivando la tua richiesta al posto della scritta [AGGIUNGI QUI IL TUO MESSAGGIO PERSONALE], senza rimuovere il resto. Per rendere i messaggi più efficaci e personali il tuo testo personalizzato dovrà essere lungo almeno un paio di frasi, altrimenti il messaggio non verrà inviato. Ti consigliamo anche di personalizzare l'oggetto della email qui sopra.
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.

Recenti firmatari

Mesi fa con una battaglia storica abbiamo ottenuto importanti risultati in difesa delle Alpi Apuane, per evitare il più grande disastro ambientale d’Europa. Ora la Regione Toscana vuole stravolgere il Piano Paesaggistico e permettere l'estrazione di marmo praticamente senza più limiti! Scrivi subito a chi può impedire questa vergogna. Qui trovi alcuni spunti ma personalizza il tuo messaggio, sarà più efficace:
  • Mantenete il Piano Paesaggistico delle Alpi Apuane per salvare interi ecosistemi, i monti sopra i 1200 metri e regolamentare e limitare l'escavazione.
  • Solo con queste regolamentazioni saranno possibili attività alternative sostenibili nelle Apuane, come turismo, agricoltura e artigianato, per dare lavoro e futuro al territorio.
  • Le Alpi Apuane sono un Geoparco Mondiale Unesco e possiedono risorse fondamentali che sarebbero in pericolo, tra cui falde acquifere che dissetano centinaia di migliaia di persone.
  • Le Apuane sono patrimonio di tutti: permettere la loro distruzione sarebbe il più grande disastro ambientale d’Europa.
Pubblicato il: 9 Marzo 2015

Spargi la voce

Clicca per copiare: