Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

Prima che la Monsanto possa stappare lo champagne

A tutti i governi che stanno trattando l'Accordo Transpacifico di Cooperazione Economica:

Siamo cittadini di tutti i Paesi del mondo e siamo allarmati, per questo vi chiediamo di rendere il processo del TPP il più trasparente e accessibile a tutti, e di rifiutare qualsiasi accordo che limiti i poteri dei governi di legiferare in nome dell'interesse pubblico. Il TPP è una minaccia per la democrazia, indebolisce la sovranità delle nazioni, i diritti dei lavoratori, la difesa dell'ambiente e la libertà di internet. Vi esortiamo quindi a rigettare questo tentativo di colpo di mano da parte delle multinazionali.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:
Aggiungi il tuo numero di telefono se vuoi ricevere nostre notizie via telefono o SMS.
Per favore, abilita i comandi Javascript per visualizzare questa pagina web nel migliore dei modi
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.

Recenti firmatari

La Monsanto si sta preparando a festeggiare il più grande colpo di stato mai realizzato, ma abbiamo ancora 48 ore per far saltare tutto.

L’Accordo Transpacifico di Cooperazione economica (TPP) è un enorme patto, top secret, tra dodici importanti Paesi, che darebbe alle multinazionali un potere senza precedenti: fare causa, tramite dei nuovi tribunali internazionali, ai nostri governi, nel caso vengano approvate delle leggi in difesa dei cittadini ma che danneggiano i loro profitti! Dalle etichette OGM alla libera informazione in rete, questo patto influenzerebbe qualsiasi tematica. E’ stato svelato da Wikileaks e la protesta sta montando molto velocemente, ma i dodici Paesi si stanno affrettando per riuscire a firmare tra appena 48 ore.

Questo accordo è semplicemente folle, ma c’è un possibilità per fermarlo: 3 nazioni sono indecise e se si tirassero indietro ora potrebbero affossarlo. Inondiamo di messaggi i leader di Cile, Nuova Zelanda e Australia, e chiediamo loro di resistere da ogni parte del mondo: solo così possiamo evitare questo enorme colpo di mano impedendo alla Monsanto di brindare a scapito della nostra salute. Firma subito e condividi questa petizione con tutti.
Pubblicato il: 6 Dicembre 2013

Spargi la voce

Clicca per copiare: