Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

ALLUVIONI IN PAKISTAN: DALLA PARTE DELLE VITTIME!

Inserisci il tuo messaggio nel box qui sotto
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.
Alcuni abitanti ai margini delle acque alluvionate che sono entrate nell'area residenziale di Muzaffarabad. (SAJJAD QAYYUM/AFP/Getty Images)
Una catastrofe colossale si sta abbattendo sul Pakistan: un quinto del paese è sott'acqua e milioni di persone senza più una casa hanno un disperato bisogno di assistenza.

Nonostante vi siano stati i primi soccorsi, l'intervento internazionale per rispondere a questo enorme disastro è stato irresponsabilmente lento e modesto: a fronte della richiesta urgente dell'ONU di 460 milioni di dollari di aiuto primario, al momento ne è pervenuto soltanto il 60%.

Gli operatori umanitari hanno denunciato che senza un incremento immediato negli aiuti il numero di morti potrebbe aumentare terribilmente. Noi possiamo dare il nostro aiuto facendo pressione sui governi affinché dispieghino le loro forze. Facciamo vedere ai nostri leader cosa significa essere generosi, e chiediamo loro di aggiungersi a noi. Usa il modulo sotto per mandare un messaggio ai governi chiave che possono salvare vite in questa emergenza - puoi decidere se mandare il messaggio precompilato, oppure scrivere la tua versione.

ULTIMI AGGIORNAMENTI: La denuncia da parte dell'opinione pubblica sta funzionando: i governi ora hanno provveduto al 60% degli aiuti primari richiesti dall'ONU (scaricati il report qui). Ma la situazione nelle zone colpite dalle inondazioni sta peggiorando e l'assistenza è ancora troppo poca: continuiamo a chiedere di fare di più!

Pubblicato il: 20 Ottobre 2011