Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

Comitato Olimpico Internazionale: salvate le foreste

Al Comitato Olimpico Internazionale e al Governo della Corea del Sud:

Da tutto il mondo, vi chiediamo di fermare la distruzione della foresta sul Monte Gariwang per le Olimpiadi invernali di Pyeongchang nel 2018, e di salvaguardare quel che rimane di questa foresta che per 500 anni è stata venerata e protetta. Ci appelliamo al CIO affinché sia davvero garante degli ideali di sostenibilità e tutela ambientale per tutti i Giochi Olimpici.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:
Per favore, abilita i comandi Javascript per visualizzare questa pagina web nel migliore dei modi
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.

Recenti firmatari

Salvare una foresta di 500 anni, in cui vivono specie in via d’estinzione,

oppure

raderla al suolo per farci una pista per le Olimpiadi di sci
.

Sembrerebbe scontato. Invece in questo momento gli organizzatori delle prossime Olimpiadi, in Corea del Sud, stanno davvero sradicando alberi secolari per mettere su una pista da sci.

Una decisione assurda ma soprattutto irreversibile. L’ennesimo grande evento sportivo che rischia di diventare devastante per l’ambiente. Ma possiamo ancora fermarli. Il Comitato Olimpico Internazionale aveva promesso che queste sarebbero finalmente state le “Olimpiadi verdi”, gestite in modo sostenibile. Invece di fronte a questo scandalo fanno finta di niente e nessun giornale ne parla: facciamogli rispettare le loro stesse parole con un grande appello internazionale da tutti i Paesi che parteciperanno ai Giochi.

Unisciti subito a questa campagna, la faremo arrivare fino agli uffici del Comitato Olimpico. Firma e poi condividi con tutti su Facebook, Twitter, via email... ovunque!