Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l' Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie .
OK

USA: salvate le api

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:
Inserisci il tuo messaggio nel box qui sotto
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.

Commenti recenti

Mostra i messaggi più recenti...
Carica altri messaggi...
USA: salvate le api

Le api stanno sparendo. Questi insetti producono un terzo di tutto ciò che mangiamo, e stanno morendo sterminate da pesticidi 6mila volte più tossici del DDT. Ma ora gli USA potrebbero proibire finalmente questi veleni.

E possiamo rendere questo momento quello decisivo per salvare le api!

Scrivi e invia ora un messaggio all’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente USA (EPA) usando il modulo qui a destra, prendendo liberamente spunto dalle seguenti argomentazioni. Gli esperti con cui siamo in contatto ci confermano che i messaggi più efficaci saranno quelli più personali e autentici:

  • Abbiamo bisogno delle api per garantire stabilità nella produzione di cibo. La loro impollinazione è necessaria per il 70% delle più importanti coltivazioni mondiali.
  • L’Unione Europea ha già vietato i neonicotinoidi a causa del pericolo che rappresentano per le api. Come può il governo statunitense giustificare l’uso di sostanze chimiche che governi e scienziati di tutto il mondo hanno identificato come responsabili del collasso delle colonie di api?
  • In grandi quantità, i neonicotinoidi causano una morte rapida per paralisi. Ma numerosi studi dimostrano che l’esposizione a basse dosi può comunque danneggiare le funzioni motorie, la memoria e il cruciale senso dell’orientamento delle api. L’EPA deve agire ora con saggezza e determinazione sospendendo interamente l’uso di queste pericolose sostanze chimiche.

Spargi la voce