Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

Ultimi giorni per salvare l'Oceano Antartico

Ai delegati della Commissione Antartico (CCAMLR):

In qualità di cittadini preoccupati da tutto il mondo, vi chiediamo di agire con fermezza per mettere al sicuro il prezioso habitat di balene e altre specie polari quando vi incontrerete a Hobart, in Australia. Vi chiediamo di chiudere un accordo ambizioso che crei la più grande riserva marina al mondo nell'Oceano del Sud, dal Mare di Ross all'Antartico orientale.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:
Aggiungi il tuo numero di telefono se vuoi ricevere nostre notizie via telefono o SMS.
Per favore, abilita i comandi Javascript per visualizzare questa pagina web nel migliore dei modi
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.

Fra pochi giorni alcuni governi potrebbero chiudere un accordo per la creazione della più grande riserva marina del mondo nell'Oceano Antartico, salvando l'habitat di balene, pinguini e migliaia di altre specie polari da flotte di pescherecci industriali. Ma non agiranno a meno che noi non ci faremo sentire ora.

Gran parte dei paesi sostengono l'istituzione della riserva ma Russia, Corea del Sud e altri minacciano di votare contro per continuare a saccheggiare questi mari, dopo che altri li hanno sfruttati per la pesca intensiva fino a trasformarli in mari morti. Questa settimana un piccolo gruppo di negoziatori si chiuderà in un incontro a porte chiuse per prendere una decisione. Una mobilitazione dal basso da record potrebbe far uscire allo scoperto le trattative, isolare i tentativi di bloccare la riserva e mettere al sicuro un accordo per proteggere gli oltre 6 milioni di chilometri quadrati di prezioso Oceano Antartico.

Le balene e i pinguini non possono difendersi da soli: tocca a noi entrare in azione. Facciamo cambiare idea ai negoziatori grazie a un'enorme pressione pubblica: Avaaz circonderà l'incontro con manifesti durissimi, e insieme consegneremo il nostro messaggio ai delegati anche per mezzo di un passaparola battente sui social network. Firma questa petizione urgente e condividila con tutti quelli che conosci.

Leonardo DiCaprio, con il team di Avaaz
Pubblicato il: 15 Ottobre 2012

Spargi la voce

Clicca per copiare: