Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

Questa è un'emergenza:
Partecipa allo sciopero globale per il clima Venerdì 20 settembre

Primo Ministro Cateriano: Salva la Sierra del Divisor

Al Primo Ministro del Perù, Pedro Cateriano Bellido:

Noi cittadini da tutto il mondo vediamo con preoccupazione i 20 anni di attesa per la tutela della Sierra del Divisor, una delle parti più preziose e vitali della Foresta Amazzonica. Con rispetto ma determinazione le chiediamo di designare subito la Sierra del Divisor come Parco Nazionale.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:
Per favore, abilita i comandi Javascript per visualizzare questa pagina web nel migliore dei modi
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.

Recenti firmatari

Una meravigliosa e remota parte della foresta Amazzonica, finora incontaminata e casa di innumerevoli specie, sta venendo distrutta metro dopo metro da coltivazioni illegali, ruspe e motoseghe. Ma basterebbe una sola firma del Primo Ministro del Perù Pedro Cateriano per salvare l’intera regione e trasformarla in un Parco Nazionale.

In questo momento il disegno di legge che può cambiare questa storia è sulla sua scrivania. Manca solo la sua firma e ogni ora che passa un altro pezzo di foresta è perso per sempre. Se lo convinciamo ad agire contro questo scempio, diventerà un esempio che altri in tutto il mondo potranno seguire per fermare la deforestazione. Ma tocca a noi farglielo capire.

Dal Perù ci hanno confermato che un’enorme mobilitazione internazionale può convincerlo a firmare e che la decisione può arrivare nei prossimi giorni. Organizzazioni indigene e ambientaliste combattono questa battaglia da più di vent’anni e ora con un ultimo tocco “avaaziano” possiamo finalmente vincerla. Clicca per unirti, porteremo la nostra voce fin dentro l’ufficio del Primo Ministro.

Spargi la voce

Clicca per copiare: