Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l' Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie .
OK

Arabia Saudita: fermate l e crocifiggano questo ragazzo!

Al Presidente del Consiglio dei Ministri Renzi, Al Presidente Obama, al Primo Ministro Cameron, ai funzionari ONU e a tutti i leader mondiali.:

L’Arabia Saudita sta per eseguire la condanna a morte del 21enne Ali Mohammed al-Nimr per poi esporne il corpo in pubblico. Gli esperti di diritti umani sostengono che la sua confessione sia stata ottenuta sotto tortura, che era ancora minorenne quando ha compiuto gli atti di cui lo accusano e che la sua condanna è contraria al diritto internazionale. Vi chiediamo di fare pressione per fermare l’esecuzione di Ali e per ritirare la nomina dell’Arabia Saudita a presiedere la commissione del Consiglio ONU per i Diritti Umani. Il mondo intero deve garantire che la vigilanza sui diritti umani sia affidata a Paesi in grado di rispettarli.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.

Recenti firmatari

Arabia Saudita: fermate l e crocifiggano questo ragazzo!

L’Arabia Saudita sta per decapitare un ragazzo di 21 anni, per poi crocifiggerlo e esporre il suo corpo in piazza. La stessa Arabia Saudita a cui hanno appena affidato il coordinamento della commissione ONU sui diritti umani! Una follia!

Ali Mohammed al-Nimr è stato arrestato a 17 anni per aver preso parte a una manifestazione contro il governo. La reazione è stata durissima, l’hanno torturato e condannato a morte. Ma è un trattamento del tutto normale in Arabia Saudita: quest’anno ci sono già state più di 100 esecuzioni, praticamente una ogni due giorni.

La Francia è l’unico paese che per ora ha chiesto di fermare l’esecuzione. L’Italia assieme a Stati Uniti, Germania, Gran Bretagna per ora tace, per gli ottimi rapporti con il regime di cui è tra i più grandi partner commerciali. Ma la pressione diretta dei nostri governi è davvero l’unico modo per persuadere i sauditi a fermarsi. Firma subito per salvare Ali, la sua esecuzione può avvenire ormai da un momento all’altro.

Spargi la voce

Clicca per copiare: